Attenzione, questi 2 comuni farmaci contro il diabete ti possono provocare gravi danni. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alcuni farmaci comunemente prescritti per il diabete comportano un alto rischio di infarto, ictus e insufficienza cardiaca

Due farmaci comunemente prescritti per il trattamento del diabete di tipo 2 presentano un alto rischio di eventi cardiovascolari come infarto, ictus, insufficienza cardiaca o anche amputazione, secondo un nuovo studio della Northwestern Medicine.

Pubblicata su JAMA Network Open, la ricerca indaga su sulfaniluree e insulina basale, solitamente prescritti dopo aver assunto metformina, un trattamento iniziale di diabete di tipo 2 ampiamente accettato. e hanno bisogno di una terapia aggiuntiva perché la metformina non funziona bene o non è ben tollerata. L’insulina basale agisce a rilascio lento e controllato nell’organismo nel corso del giorno.

Si tratta del primo studio volto a confrontare come ciascuno dei sei principali farmaci di seconda linea abbia un impatto cardiovascolare nei pazienti con diabete di tipo 2 che assumono un secondo farmaco per il diabete.

Le persone dovrebbero sapere se i farmaci che stanno assumendo per trattare il diabete potrebbero portare a gravi danni cardiovascolarispiega l’autore principale Matthew O’Brien, MD, assistente professore di Medicina nella Divisione di Medicina Generale Interna e Geriatria e Medicina del Nord-Ovest medico. Ciò richiede un cambio di paradigma nel trattamento del diabete di tipo 2”.

Lo studio ha coinvolto 132.737 pazienti che avevano da poco iniziato ad assumere una seconda terapia dopo il farmaco di prima scelta.

Le sulfoniluree agiscono a livello delle cellule del pancreas, stimolandole a produrre maggiori quantità di insulina. Oltre la metà dei pazienti che hanno bisogno di una seconda terapia riceve una prescrizione o per insulina basale o per le sulfoniluree. Ma gli esperti hanno visto che i pazienti che prendono sulfoniluree hanno un rischio cardiovascolare del 36% maggiore e i pazienti che assumono insulina basale un rischio doppio rispetto a chi assume la più nuova classe di terapie, gli inibitori del DPP-4.

Secondo i nostri risultati basta prescrivere l’insulina basale a 37 pazienti per due anni per osservare un evento cardiovascolare, ad esempio un ictus, un infarto o un amputazione. Per le sulfoniluree si tratta di 103 persone. Ma se traduciamo questo numero per milioni di pazienti che le assumono le implicazioni e il rischio per i pazienti sono enormi”.

I medici dovrebbero prescrivere le nuove classi di farmaci, concludono gli studiosi, che sono però più costose. Pare sia questo il motivo principale per cui sono meno prescritte, ma se ne va della salute dei pazienti?

Leggi anche

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook