Gli indigeni Wichí conoscono più di 100 piante medicinali e oltre 400 loro usi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gran parte dei medicinali che utilizziamo abitualmente sono stati sviluppati a partire da molecole prodotte dalle piante.

In moltissimi casi, la ricerca di composti attivi all’interno delle specie vegetali è nata osservando l’uso tradizionale delle erbe.

La ricercatrice María Eugenia Suárez ha studiato per oltre un decennio l’uso delle piante presso la comunità Wichí, popolo indigeno del Sud America che oggi conta circa 55mila persone che occupano una piccola area a sud-est della Bolivia.

I boschi della zona sono ricchi di piante ed erbe che forniscono, oltre a cibo e legname, una grande varietà di rimedi per la salute.

Si tratta di un sito che rappresenta una grande attrazione per coloro che si dedicano all’etnobotanica, la scienza che studia l’uso delle specie vegetali all’interno di una o più comunità e la ricercatrice Suarez, nel suo prezioso studio, è riuscita a raccogliere, catalogare e descrivere l’uso terapeutico delle tante erbe utilizzate dai Wichí.

Suárez ha portato avanti la sua ricerca dal 2005 al 2017, anni durante i quali si è recata più volte nella zona per raccogliere informazioni dai Wichí, facendosi spiegare direttamente sul campo quali e quante piante medicinali sono usate dalla comunità, in che modo vengono impiegate e per quali disturbi.

Durante le escursioni nelle foreste, accompagnata dagli abitanti dei villaggi, la ricercatrice ha raccolto i diversi esemplari vegetali, riuscendo poi a identificarli.

Etnobotanica Whici

©Nexciencia

“Questo lavoro riassume un vasto elenco di specie medicinali, con un dettaglio dei loro usi specifici, quali parti della pianta vengono utilizzate e come vengono utilizzate.
Esistono 115 piante utilizzate nella cultura Wichí, con 408 usi medicinali che permettono loro di trattare 68 diversi sintomi o malattie”, ha spiegato la ricercatrice.

Etnobotanica Whici

©Nexciencia

I Wichí utilizzano ciò che la foresta mette loro a disposizione per trattare svariati disturbi tra cui febbre, problemi digestivi, affezioni respiratorie e della pelle e disturbi legati al ciclo mestruale.
Molte piante hanno più di un utilizzo e 15 specie vegetali sono incluse in un kit d’emergenza per i disturbi più comuni e frequenti.

Negli anni, la conoscenza delle piante è via via aumentata nella comunità Wichí, il cui sapere è più diffuso tra gli anziani e le donne, che si occupano di raccogliere, conservare e utilizzare i rimedi.

“La conoscenza dettagliata delle piante qui è impressionante. Questa è una conoscenza molto importante per la comunità di Wichí ma anche per la società in generale”, ha dichiarato Suárez.

Dopo aver scoperto l’immenso patrimonio dei Wichí la ricercatrice è ora preoccupata:

“Stanno devastando le risorse dell’area e ciò colpisce direttamente coloro che vivono lì, che hanno sempre meno possibilità di sopravvivere.
Sebbene questo studio sia solo preliminare, le conoscenze acquisite potrebbero essere utilizzate per lo sviluppo di progetti locali per la gestione sostenibile dei prodotti forestali, in questo caso piante medicinali a beneficio delle comunità locali”, ha spiegato Suárez

Fonti di riferimento: Science Direct/Nexciencia

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook