Cucciolo di cane salvato da una scimmia

Endometriosi: questi sono i sintomi che devi riconoscere per scoprirla in tempo e il prima possibile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’endometriosi è una malattia silenziosa che colpisce moltissime donne. Scopriamo i sintomi a cui fare attenzione

L’endometriosi è una patologia molto diffusa e, al tempo stesso, ancora poco conosciuta. Riguarda circa il 10-20% delle donne in età fertile (soprattutto tra i 25 e i 35 anni) ed è causata dalla presenza di tessuto endometriale in sedi differenti da quella fisiologica, ossia all’interno della cavità uterina.

Una malattia difficile da diagnosticare, ecco i sintomi a cui prestare attenzione. (Leggi anche: Endometriosi: come richiedere l’esenzione ticket e l’invalidità)

Dolore Pelvico

Uno dei sintomi più frequenti dell’endometriosi è il dolore pelvico. Questo si irradia nella parte inferiore del tronco, e coinvolge tutta la zona della pancia fino sotto l’ombelico.

Viene suddiviso in:

  • dolore pelvico acuto: quando ha una durata non superiore a 2 o 3 mesi
  • dolore pelvico cronico: se persiste per 6 o più mesi

E’ spesso descritto come un dolore profondo, diffuso ovunque e accompagnato da altri sintomi come nausea e sudorazione eccessiva, per citarne solo alcuni. Questo disturbo può anche arrivare a coinvolgere altri organi come vescica, uretra, ano e peritoneo.

Dispareunia (dolore nei rapporti sessuali)

La dispareunia è il dolore durante i rappori sessuali; anche questo, come il precedente, non è un fenomeno fisiologico e in presenza di fastidio forte è necessario individuarne le cause. La dispareunia è un importante sintomo dell’endometriosi profonda, ossia di quella che si annida nel connettivo pelvico intorno all’utero basso o alla vagina, o tra vagina e retto o tra vagina e vescica.

Dismenorrea

Il forte dolore mestruale noto come dismenorrea è un altro dei fastidiosi sintomi dell’endometriosi. Non è una condizione fisiologica tipica del ciclo femminile, perciò non bisogna credere che avere mestruazioni dolorose sia la norma. La dismenorrea è un campanello di allarme, che ci deve portare ad approfondire le cause rivolgendoci a un ginecologo, eseguendo analisi più approfondite.  

Disagio Rettale

Il disagio rettale consiste in svariati sintomi come, ad esempio il tenesmo rettale, ossia la sensazione di dover andare in bagno, fitte nel retto, punture di spillo, difficoltà a stare seduti e sensazione di pesantezza a livello posteriore. 

Questi sintomi vanno investigati, poiché possono essere un segnale di endometriosi rettale,  quella che si sviluppa nel comparto posteriore pelvico tra utero, vagina e retto o lateralmente al retto. (Leggi anche: Endometriosi: un nuovo trattamento con ultrasuoni in fase di studio per trattare quella rettale):

Altri sintomi comuni, che possono essere segno di endometriosi sono:

  • dolore durante la minzione
  • dolore cronico dietro la schiena
  • infertilità
  • fatica
  • diarrea o costipazione

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Mayo Clinic

Sull’endometriosi ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook