@ wavebreakmediamicro

Come vivere più a lungo: questa semplice e gratuita abitudine quotidiana il segreto della longevità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Secondo un recente studio, dormire bene e in modo regolare allungherebbe la vita. Ma perché accade questo e come possiamo fare a migliorare la nostra qualità del sonno?

Come vivere più a lungo e perché ci sono alcune persone che vivono più di altre? Sono interrogativi che affliggono l’uomo sin dalla notte dei tempi. Da sempre infatti l’essere umano è alla ricerca di strategie, pozioni, alimenti miracolosi e abitudini bizzarre per allungare il proprio soggiorno sulla Terra. Ora un nuovo studio collega una particolare, sana abitudine ad una prospettiva di vita più lunga: avere un ciclo del sonno regolare.

I ricercatori hanno osservato i cicli del sonno di persone anziane e li hanno messi a confronto con quelli di persone adulte e di ragazzi. Hanno poi svolto una serie di analisi del sangue per osservare i livelli di colesterolo nel sangue e di test – come la polisonnografia, un esame utilizzato nella diagnosi dei disturbi del sonno. Infine, i partecipanti al test sono stati invitati a fornire giudizi sulla qualità del loro sonno.

È emerso che coloro che hanno mantenuto inalterati nel tempo rigidi schemi sonno-veglia presentano anche più alti livelli di colesterolo buono nel sangue e bassi livelli di trigliceridi – valori connessi ad un ridotto rischio di infarto e patologie cardiache. Quindi, dormire in maniera regolare – andare a dormire sempre allo stesso orario, avere una sveglia fissa, dormire un sonno di buona qualità – aiuta ad allontanare il rischio di infarto, una delle principali cause di morte al mondo: agendo sul metabolismo e sull’assorbimento dei lipidi, il sonno aiuta davvero a vivere di più.

(Leggi anche: Fasi del sonno, quali sono e quante ore di quello profondo ha bisogno il tuo corpo per rigenerarsi?)

Ma quanto si dovrebbe dormire per vivere bene? Gli esperti consigliano agli adulti di dormire fra le sei e le nove ore a notte. Impostando la sveglia all’ora in cui vogliamo svegliarci, basta calcolare le ore di riposo necessarie per poter instaurare una corretta routine serale e andare a dormire al giusto orario. Inoltre, è importante non sonnecchiare durante il giorno: anche se, dopo una notte trascorsa in bianco, è forte la tentazione di schiacciare un pisolino per recuperare un po’ del sonno perduto, quest’azione potrebbe rovinare la regolarità del nostro ciclo del sonno.

Per dormire bene, inoltre, è buona norma stabilire delle sane abitudini prima di mettersi a letto che ci aiuteranno a rilassarci, a scaricare la tensione e ad avere un sonno migliore. Per esempio, potremmo prepararci un bagno caldo, utile al nostro corpo per raggiungere la temperatura ideale per il riposo. Oppure potremmo dedicare qualche minuto a organizzare la giornata successiva, magari scrivendo una lista delle cose da fare in modo che il pensiero degli impegni futuri non ci affligga mentre siamo a letto. Infine, potremmo rilassarci facendo esercizi di stretching o di yoga, che possono aiutare a rilasciare la tensione muscolare accumulata durante la giornata (fare attività fisica intensa, al contrario, attiverà il nostro corpo e ci impedirà di addormentarci).

È importante, inoltre, allontanare smartphone e computer dalla nostra stanza da letto: l’ideale sarebbe spegnere il telefono una mezz’ora prima di addormentarsi, in modo che il nostro cervello abbia il tempo di ‘disintossicarsi’ dai numerosi stimoli che vengono da app e social.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Frontiers in Aging Neuroscience

Ti consigliamo anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook