Dopamina: l’ormone della felicità regola anche il sistema immunitario

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La dopamina è l’ormone della felicità perché comanda le difese immunitarie del nostro corpo. A stabilirlo è un team di ricerca internazionale coordinato da studiosi dell’Università Nazionale Australiana (ANU).

Lo studio pubblicato su Nature dimostra che il processo di generazione degli anticorpi ad opera del sistema immunitario è influenzato dal cosiddetto ormone della felicità, la dopamina.

Il team di ricercatori coordinato da Claudio Doglioni e Carola G. Vinuesa, per la prima volta, ha stabilito che le cellule immunitarie contengono diversi neurotrasmettitori, le sostanze che permettono la ‘comunicazione’ tra cellule cerebrali, i neuroni.

Tra questi c’è appunto la dopamina che gioca un ruolo importante nel meccanismo di difesa nel nostro corpo. In pratica, quando un virus o un batterio aggredisce il nostro organismo, in regioni specializzate dei linfonodi, i cosiddetti centri germinativi, le cellule immunitarie (linfociti B e T) collaborano tra loro per sviluppare una risposta contro gli specifici agenti patogeni.

Questo ruolo, secondo gli scienziati, è svolto proprio dalla dopamina, uno degli ormoni collegati al piacere e neurotrasmettitore del sistema nervoso centrale.

dopamina felicità

Lo studio

Analizzando le cellule del sistema immunitario in vitro, i ricercatori hanno dimostrato che i linfociti T nel centro germinativo producono e contengono dopamina, quando essi interagiscono con i linfociti B, la dopamina entra in azione e contribuisce al differenziamento in cellule che producono anticorpi.

Cosa succede poi?

“Per la prima volta è stato dimostrato il ruolo della dopamina nel centro germinativo: la sua azione costituisce un vantaggio nel differenziamento dei linfociti B in cellule che producono anticorpi e, potenzialmente, questo meccanismo può essere modulato in corso di malattia”, sottolinea la prima autrice Ilenia Papa.

Tutto quello che c’è da sapere sulla dopamina:

La scoperta potrebbe essere sfruttata per potenziare le risposte immunitarie durante infezioni aggressive, ma potrebbe anche rivelarsi utile per le malattie autoimmunitarie, dove c’è una produzione incontrollata di auto-anticorpi: farmaci che bloccano i recettori per la dopamina potrebbero costituire una terapia aggiuntiva a quelle in uso.

Dominella Trunfio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook