@ deagreez/123rf.com

Perché le donne sono più “freddolose” degli uomini? Scienziati scoprono una causa ancestrale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Perché le donne sentono più freddo degli uomini? Sarebbe tutta questione di genetica e di miglioramento evolutivo della specie, secondo questo studio 

La scienza ha finalmente scoperto perché uomini e donne litigano sempre sulle impostazioni per l’aria condizionata o per il riscaldamento: è tutta colpa dell’evoluzione. Un team di scienziati dell’Università di Tel Aviv si è interrogato sul perché non solo le donne, ma anche le femmine di altre specie di animali a sangue caldo, tendano a sentire più freddo dei loro compagni maschi. Lo studio, durato più di quarant’anni e ora pubblicato, ha osservato 13 specie di uccelli e 18 specie di pipistrelli, e suggerisce che le specie animali hanno migliori possibilità di sopravvivenza se maschi e femmine si tengono a distanza gli uni dalle altre.

Preferenze diverse in merito alla temperatura riflettono differenze a livello del sistema nervoso – ha spiegato l’autore dello studio, Dr. Eran Levin, in un’intervista al The Times of Israel. – Maschi e femmine percepiscono il dolore in modo diverso, e allo stesso modo hanno diverse percezioni di caldo e freddo. In conseguenza di questo, spesso si tengono a distanza, ognuno alla ricerca della propria temperatura ideale.

Questo è un comportamento comune fra uccelli e pipistrelli, per esempio: i maschi di pipistrello preferiscono volare ad altitudini più elevate (sulle montagne) alla ricerca di temperature basse, mentre le femmine preferiscono la valle, dove la temperatura è più alta. Ciò vale anche nel caso degli uccelli migratori, che trascorrono le loro fasi della vita al di fuori della stagione riproduttiva separatamente: i maschi trascorrono l’inverno in luoghi più freschi e le femmine in luoghi più caldi. (Leggi anche: Uomini e donne: tanto diversi a causa di 6500 geni)

La preferenza climatica si dimostra molto vantaggiosa per l’evoluzione della specie, perché provoca una separazione dei due sessi al di fuori della stagione riproduttiva – il che riduce la competizione dei maschi per la conquista delle femmine o per l’approvvigionamento del cibo e l’aggressività rivolta alle femmine e ai cuccioli. Ma c’è anche un altro vantaggio. Le femmine, che si occupano della prole, sono più sensibili ai cambiamenti delle temperature che possono danneggiare i cuccioli (che non sono in grado di autoregolare la propria temperatura corporea): avendo una maggiore sensibilità al freddo, sono più stimolate a riscaldare i loro piccoli. Ecco spiegato anche perché le femmine tendono ad avere e a desiderare maggiore contatto fisico, mentre i maschi preferiscono “mantenere le distanze” e si mostrano restii alla fisicità.

Quindi, non arrabbiamoci se il nostro compagno dorme ancora con il lenzuolo mentre noi siamo passate già al piumone, o se non vorrebbe mai accendere stufa e termosifoni: sfruttiamo questo momento per stare mettere un po’ di distanza in modo che ognuno possa godere (individualmente) di un po’ di tranquillità alla temperatura desiderata.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Global Ecology and Biogeography / The Times of Israel

Ti consigliamo anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook