Donna incinta positiva al coronavirus guarisce grazie alla cura con plasma iperimmune. È il primo caso al mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Da Mantova arriva una splendida notizia: una donna incinta affetta da coronavirus è guarita grazie alla cura al plasma iperimmune. Un risultato straordinario che è il primo al mondo: non si ha infatti notizia al momento di altre donne in stato di gravidanza positive al Covid-19 e guarite con questa tecnica.

Si chiama Pamela Vincenzi e ha 28 anni la donna incinta che è guarita dal coronavirus grazie alla terapia con il plasma, utilizzata all’ospedale Carlo Poma di Mantova per combattere il covid-19.

La plasmaterapia consiste nel trattare i malati con infusione di sangue contenente plasma iperimmune, donato da persone che sono già guarite dal coronavirus e su cui, tramite opportune analisi, è stata valutata la presenza di anticorpi attivi contro il nuovo virus.L’uso di questa tecnica nel trattamento del Covid-19 è molto promettente e, in quest’occasione, ha dimostrato di essere efficace anche sulle donne incinte.

Pamela era arrivata in ospedale il 9 aprile e le sue condizioni, il giorno successivo, erano diventate gravi a tal punto da essere necessario trasferirla nel reparto di Pneumologia. Da qui l’esigenza di intervenire prontamente per evitare danni alla mamma e alla bambina che porta in grembo.

Su di lei è stata utilizzata appunto la terapia al plasma a cui, all’ospedale di Mantova, sono attualmente sottoposti anche altri 4 pazienti mentre 5 malati di Covid-19 vengono trattati con la stessa tecnica al Policlinico San Matteo di Pavia. Tra i due ospedali è stato siglato un protocollo che fino ad ora ha previsto l’infusione di plasma iperimmune su 24 pazienti, per un totale di 50 sacche dell’emocomponente infuse.

A Pamela sono bastate due sacche di plasma iperimmune per tornare a stare bene. Come ha commentato entusiasta Giuseppe De Donno, direttore del reparto Pneumologia dell’ospedale di Mantova:

“Dopo la terapia con il plasma, il miglioramento è stato decisivo. I due tamponi che le abbiamo effettuato sono negativi”.

Come ha raccontato Gianpaolo Grisolia, responsabile dell’Attività di Patologia Prenatale e della Gravidanza, per proteggere il feto si è evitato di ricorrere alla ventilazione assistita e:

“il vantaggio di una rapida guarigione consente di non mantenere il bambino in un ambiente ostile, con una scarsa ossigenazione. Dal punto di vista ecografico va tutto bene. Il feto è alla 24esima settimana”

Pamela ieri è tornata a casa in compagnia del marito e ha potuto riabbracciare la sua prima figlia che ha 2 anni.

La bimba che tra non molto nascerà si chiamerà Beatrice Vittoria, un modo per festeggiare e ricordare sempre il suo primo successo, ottenuto quando era ancora nella pancia.

L’esperienza di una donna guarita dal COVID-19 che ha donato il suo plasma:

Fonte di riferimento: Asst Mantova 

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook