Dolori mestruali: un’app che insegna la digitopressione per alleviarli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Avete mai pensato che i vostri dolori mestruali potrebbero alleviarsi o addirittura scomparire grazie alla digitopressione? È stata ideata un’app che insegna dove e come spingere per ridurre crampi e fastidi.

Molte donne in tutto il mondo soffrono prima e durante il ciclo mestruale di dolori, crampi e malesseri vari. I fastidi possono essere di livelli differenti, alcuni più sopportabili altri decisamente più dolorosi e in alcuni casi invalidanti. Esistono diversi rimedi naturali per i dolori mestruali e tra questi vi è anche una tecnica molto semplice da applicare: la digitopressione.

Si tratta di un sistema che utilizza precisi posizionamenti delle dita in punti specifici da premere riuscendo in questo modo ad alleviare il dolore, nello specifico quello dovuto ai crampi mestruali.

Secondo un nuovo studio, condotto da un team dell’Istituto di medicina complementare e integrativa dell’Università di Zurigo e guidato da Claudia Witt, la digitopressione può essere molto utile a trattare i dolori dovuti al ciclo e si può praticare tranquillamente da soli in casa con l’aiuto di un applicazione per smartphone che insegna appunto dove e come premere.

Per vedere se la tecnica funzionava ed era possibile insegnarla tramite app, gli esperti hanno preso a campione un totale di 220 donne (tra i 18 e i 34 anni) che dovevano riportare i propri livelli di dolore dovuti ai crampi mestruali su una scala da 0 a 10. All’inizio dello studio tutte le donne avevano segnalato un dolore di almeno 6 su questa scala.

Ad ogni partecipante è stata poi data un’app da utilizzare per sei mesi ma solo la metà del campione aveva all’interno un programma di digitopressione. Il gruppo di controllo aveva invece un’app “fasulla” che non offriva nuovi modi per trattare i dolori mestruali.

Alla fine dell’esperimento si è visto che le donne con dolori intensi durante il ciclo possono ottenere più sollievo grazie alla digitopressione guidata dallo smartphone attraverso la app AKUD (basata su un consenso di esperti del campo provenienti da Cina, Germania e Stati Uniti) piuttosto che da trattamenti medici comuni.

Le donne che avevano utilizzato l’app di digitopressione, infatti, riportavano dolori mestruali significativamente inferiori rispetto a quelle che non avevano usato questa tecnica.

L’app è stata pensata per giovani donne tra i 20 e i 30 anni, ovvero persone che già usano i loro telefoni per una serie di compiti diversi, rendendo naturale per loro prendere in considerazione la possibilità di sfruttare un’applicazione che insegna come usare i punti di pressione per alleviare il dolore mestruale.

Tra l’altro provare non costa molto e non ha effetti collaterali, anzi come ha osservato la dottoressa Witt:

“È consigliabile provare prima gli interventi non farmacologici con un buon profilo di sicurezza, prima di usare un antidolorifico che può avere effetti collaterali”

Per conoscere meglio il ciclo mestruale e i rimedi contro i dolori leggi anche:

La ricerca è stata pubblicata sull’American Journal of Obstetrics and Gynecology ma, come hanno osservato gli autori stessi, questi risultati potrebbero non rappresentare ciò che accadrebbe a tutte le donne che soffrono di dolore mestruale. Si rendono dunque necessari ulteriori studi su un campione di donne più variegato per confermare i risultati ottenuti.

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook