@Lightfieldstudios/123rf

I dolcificanti artificiali sono più pericolosi di quanto pensi, nuovo studio mostra effetti collaterali anche sul microbioma intestinale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

3 dolcificanti artificiali potrebbero alterare il microbioma intestinale, aumentando il rischio di obesità, diabete e problemi digestivi

I dolcificanti artificiali causano “un’interruzione della comunicazione” tra i batteri intestinali, modificando il microbioma e potenzialmente aumentando il rischio di malattie.

I batteri intestinali influenzano positivamente la salute del nostro organismo, ma per farlo devono essere presenti nel giusto equilibrio. Ciò è in parte mantenuto da un meccanismo di “comunicazione” utilizzato dai batteri stessi, e chiamato quorum sensing, che consente a questi microrganismi di rilevare e rispondere alla densità della popolazione cellulare regolando i propri geni e influenzando il loro comportamento. 

I dolcificanti artificiali, invece, interrompono questa comunicazione, il che indica che possono essere problematici se assunti a lungo termine. 

Lo studio

Il nuovo studio aveva come obiettivo quello di capire come i dolcificanti siano in grado di influenzare la salute intestinale; per questa ricerca sono stati usati batteri emettitori di luce la cui emissione è stata ridotta quando la comunicazione batterica veniva interrotta. 

Cosa si è scoperto? I tre dolcificanti più comuni hanno tutti impedito la comunicazione batterica: stiamo parlando di saccarina, aspartame e sucralosio. Altri tre dolcificanti meno comuni, acesulfame potassio (Ace-K), advantame e neotame, invece, non hanno provocato questo effetto.

Quello che è stato rilevato è che i dolcificanti artificiali più popolari interferiscono con la comunicazione tra i batteri che regolano importanti funzioni e, una volta che questa viene danneggiata, i batteri non possono comportarsi correttamente come una ‘comunità’. Quando interrompi la comunicazione batterica, stai interrompendo l’equilibrio batterico naturale nell’intestino che può, a sua volta, causare problemi di digestione e aumento del rischio di obesità e diabete di tipo due e non solo.

Di fronte a questa ricerca, i produttori di bevande e alimenti con dolcificanti artificiali dovrebbero iniziare a etichettare meglio i loro prodotti per mostrare quanto dolcificante contengono, in modo che i consumatori possano fare scelte consapevoli.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: MDPI

Ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook