Non riesci a prendere sonno? Fatti una doccia calda!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il momento migliore per farsi una doccia? La sera. Forse per molti non è una novità, ma lavarsi prima di andare a dormire stimola il buon sonno, la conferma arriva da uno studio scientifico.

Secondo i ricercatori giapponesi Sung EJ e Tochihara J, infatti, il momento migliore della giornata per fare una doccia non è al mattino, ma bensì la sera, esattamente 90 minuti prima di mettersi sotto le coperte.

A confermarlo è lo studio pubblicato sulla rivista Journal of Physiological Anthropology and Applied Human Science che ha analizzato il comportamento di nove volontarie in perfetto stato di salute.

I soggetti sono stati divisi in tre gruppi a seconda della loro attività precedente al sonno: una doccia o un bagno caldo (condizione B), un pediluvio caldo (condizione F) e nessun trattamento concernente l’acqua (gruppo di controllo).

LEGGI anche: 10 SEMPLICI REGOLE PER RIPOSARSI TANTO ANCHE DORMENDO POCO

bagno caldo la sera1

La qualità del sonno delle volontarie è stata rivelata attraverso una polisonnografia, ovvero un test che controlla i movimenti del torace e dell’addome, ma anche la saturazione di ossigeno del sangue. In questo modo, sono state anche misurate le temperatura rettali e della pelle.

È emerso così che il gruppo che aveva fatto una doccia o un bagno caldo e quello che aveva fatto un pediluvio, avevano una qualità del sonno migliore delle altre. Ciò tradotto significa che l’acqua calda consente di dormire meglio.

LEGGI anche: INSONNIA: 10 MOTIVI PER CUI (FORSE) NON RIESCI A DORMIREI

L’ideale sarebbe fare una doccia calda di 20 minuti o un bagno di 90 prima di andare a letto, ciò consentirebbe di riequilibrare la temperatura corporea, di rilassare il fisico e di favorire il riposo. Al contrario, bisogna assolutamente evitare di mettersi sotto le coperte subito dopo la doccia perché essere surriscaldati o peggio ancora sudati non concilia per niente il sonno.

Dominella Trunfio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook