Digitopressione: cos’è, punti di pressione, benefici e come praticarla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che cos’è la digitopressione, come si pratica per amplificare i benefici e i punti di pressione in base alle diverse patologie.

La digitopressione è un metodo naturale efficace nel trattamento di diversi disturbi. Stimolare alcuni punti specifici del nostro corpo può apportare benefici senza alcun effetto collaterale. Scopriamo come e quando praticarla.

Digitopressione, cos’è e come funziona

La digitopressione è una tecnica di origine orientale che si basa sulla delicata applicazione della pressione su specifici “punti terapeutici” o punti chiave di guarigione. Questo aiuta a stimolare il flusso di “Qi“, o energia di guarigione, attraverso gli organi vitali del corpo per incoraggiare il naturale processo curativo insito nel nostro organismo.

Si tratta di un metodo affine a quello dell’agopuntura (non a caso la digitopressione è spesso chiamata agopuntura senza aghi) che deriva dalla medicina tradizionale cinese e dunque fa parte del mondo della medicina alternativa e complementare da tempi molto antichi.

Secondo i principi della medicina cinese, il corpo ha linee invisibili in cui scorre il flusso energetico. Sono i meridiani che si pensa siano almeno 14 e che collegano i nostri organi con altre parti del corpo. Punti di agopuntura e di digitopressione si trovano appunto su quei meridiani.

Non c’è un parere condiviso su come possa agire realmente la digitopressione e c’è chi ritiene si tratti solo di un effetto placebo. Al momento mancano effettivamente sufficienti studi sulla sua reale efficacia anche se tante persone possono testimoniare i buoni risultati ottenuti con questa tecnica.

Alcuni teorizzano che la pressione effettuata sui punti terapeutici possa promuovere il rilascio di sostanze chimiche naturali che alleviano il dolore nel corpo, le endorfine. Un’altra teoria è che la pressione vada in qualche modo ad influenzare il sistema nervoso autonomo.

Digitopressione, benefici

Stimolare i punti terapeutici corretti può aiutare a rilassare diverse zone del corpo e promuovere il benessere. Questa tecnica può dunque essere utilizzata nel trattamento di diversi disturbi.

Se il flusso di energia è bloccato in qualsiasi punto su un meridiano, la medicina cinese ritiene che questo squilibrio possa causare sintomi ovunque lungo il meridiano stesso. Ecco perché ad esempio un praticante può fare pressione su un punto di digitopressione sul piede per alleviare il mal di testa.

Uno dei principali modi in cui è stato esplorato l’uso della digitopressione è riguardo ai problemi del sonno ma anche nel trattamento di nausea, stitichezza o dolori mestruali (per i quali è stata ideata anche un’app che aiuta le donne a utilizzare proprio questa tecnica segnalandogli i punti utili su cui esercitare pressione).

Ottima anche contro lo stress e i disturbi ad esso correlati. La digitopressione può essere infatti utilizzata per ridurre nervosismo e ansia, aiutando la persona a sentirsi più rilassata abbassando i livelli di produzione di cortisolo nel corpo e diminuendo, tra l’altro, anche le voglie di cibo (in questo senso può aiutare il dimagrimento) rafforzando il sistema digerente.

Ricapitolando questa tecnica può essere utile in caso di :

Digitopressione, come praticarla

La digitopressione agisce attraverso determinati punti di pressione sul corpo da sollecitare con una forza costante (l’agopuntura usa un ago, mentre la digitopressione solamente le dita).

Se si cerca un beneficio curativo a lungo termine è bene rivolgersi ad un agopuntore che praticherà la tecnica facendovi sedere o sdraiare su un lettino e vi proporrà magari un ciclo di appuntamenti per lavorare al meglio sulle cause del problema.

La digitopressione è però una tecnica che si può praticare anche da soli a casa, l’importante è ovviamente sapere quali sono i punti associati ai diversi disturbi che si intende trattare, agendo su quelli con una certa costanza.

Si consiglia a chi si sta esercitando per le prime volte, di applicare una pressione da due a cinque minuti su ciascun punto con le dita, cosa che si può fare sia da soli che con l’aiuto di un compagno. In realtà la pressione durante la tecnica dovrebbe cambiare, viene spesso aumentata per circa 30 secondi, mantenuta costante per 30 secondi o fino due minuti e poi gradualmente ridotta altri per 30 secondi. La sequenza si ripete da tre a cinque volte.

La tecnica viene generalmente eseguita usando il pollice, il dito o le nocche per applicare una pressione delicata ma ferma sul punto prescelto.

Digitopressione, punti di pressione

Secondo la digitopressione, sono circa 400 i punti terapeutici che possiamo trattare per incanalare nel giusto modo l’energia curativa e dunque risolvere una o più situazioni di disequilibrio che portano alla comparsa di disturbi di vario genere e malattie.

Se si vuole sperimentare i benefici della digitopressione si può iniziare utilizzando alcuni punti semplici da raggiungere e su cui è facile esercitare la pressione con le dita. Tra i più utilizzati, a seconda del problema, vi sono:

Anmian

Si trova sotto l’orecchio nella zona del collo poco prima della mandibola. Stimolarlo aiuta a dormire più velocemente favorendo il relax.

digitopressione 02

Stomaco 36

Questo punto terapeutico si trova 4 dita sotto il ginocchio e mezzo pollice verso l’esterno del tuo stinco. È conosciuto in Cina come “il punto di longevità” mentre in Giappone come “il punto delle 100 malattie“. Fare pressione in questo punto garantirebbe un’ampia gamma di benefici per il nostro corpo: normalizza pressione e glicemia, riduce le infiammazioni, migliora il sistema digestivo e la salute del cuore.

digitopressione 10

Pericardium 6 o Neiguan

Situato tre dita sotto il polso tra i due tendini (palmaris longus e flexor carpi radialis) che scorrono approssimativamente al centro dell’avambraccio. Si tratta di un punto fondamentale per il trattamento della nausea (indipendentemente dalla causa) ma aiuta anche a calmare la mente, ridurre l’ansia e il mal di testa.

digitopressione 03

Heart 7

Situato sul lato esterno del polso sotto il mignolo. Questo punto può essere stimolato per ridurre ansia, stress, insonnia e depressione.

digitopressione 04

Intestino crasso 4 o Hengu

Si trova sul muscolo carnoso tra l’indice e il pollice. Stimolarlo può aiutare ad alleviare costipazione, disturbi intestinali e dolore cronico ma anche mal di testa o mal di denti. Le donne incinte dovrebbero evitare di stimolare questo punto terapeutico in quanto potrebbe causare contrazioni premature dell’utero.

digitopressione 05

Intestino crasso 11

Questo è un punto di attivazione vitale per il colon che si trova all’estremità esterna della piega del gomito. Stimolare questo punto è utile per fornire un rapido sollievo per la stitichezza e l’indigestione.

digitopressione 06

Terzo occhio

Il terzo occhio, noto anche a chi pratica yoga e medita, si trova al centro delle due ciglia. La digitopressione in questo punto può contribuire ad alleviare mal di testa, sinusite, congestione nasale, stanchezza cronica e insonnia.

digitopressione 07

Shen Men

Noto anche come “il punto delle emozioni“, lo shen men che si trova nel centro della terza parte superiore dell’orecchio, si può stimolare per tenere a bada lo stress, aumentare il grado di energia, migliorare la salute in generale e lavorare sulle emozioni dato che agisce sul sistema nervoso. In agopuntura è molto utilizzato anche come aiuto per chi intende smettere di fumare.

digitopressione 08

Mare della tranquillità

E’ situato al centro dello sterno e stimolarlo tramite digitopressione può aiutare a ripristinare l’equilibrio emotivo, alleviare l’ansia e la depressione e potenziare il sistema immunitario. Mentre si stimola questo punto sarebbe bene fare respiri lenti e profondi.

digitopressione 09

Pang Guang Shu

Si trova in alto a sinistra del coccige e stimolarlo può rivelarsi molto utile ed efficace per alleviare i dolori legati al ciclo mestruale ma anche quelli della zona lombare più in generale.

digitopressione 01

Digitopressione, controindicazioni

Durante un trattamento di digitopressione è importante ascoltare i messaggi che manda il corpo: bisognerebbe provare un sollievo immediato quando si toccano questi punti o comunque non si dovrebbe avvertire dolore, in quel caso meglio fermarsi. Se si pratica digitopressione con una persona che aiuta, è bene comunicare eventualmente il livello di dolore che si sta provando.

Dopo una sessione di digitopressione, alcune persone possono provare fastidio o addirittura avere piccoli lividi nei punti sollecitati. Si può avvertire anche un temporaneo stordimento.

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook