Diclofenac: occhio agli antidolorifici a base di questo principio. Aumenterebbero i rischi di ictus e infarto

Secondo uno studio recente, gli antidolorifici a base di diclofenac potrebbero essere associati ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari, come infarto e ictus. Il rischio sembra essere più alto non solo rispetto a nessun utilizzo, ma anche rispetto ad alcuni dei suoi sostituti.

Diclofenac è un principio attivo che riduce l’infiammazione e il dolore. Comunemente usato per trattare una vasta gamma di dolori, a seconda del paese e del tipo di farmaco in cui si trova, è disponibile al banco o richiede una prescrizione. Ma gli autori di un nuovo studio sostengono che il diclofenac non dovrebbe essere autorizzato come farmaco da banco o per lo meno dovrebbe essere accompagnato da opportuni avvertimenti. Perché?

Già “accusato” di rientrare tra i principi attivi non esattamente benefici per la nostra salute, il diclofenac sarebbe associato anche a un aumentato rischio di eventi cardiaci avversi quali battito cardiaco irregolare o accelerato, ictus ischemico, insufficienza cardiaca e infarto. Esempi di medicinali a base di questa sostanza sono, solo per citarne alcuni:

  • Deflamat ®
  • Voltaren Emulgel ®
  • Flector ®
  • Dicloreum ®
  • Solaraze ®

Il diclofenac fa parte di una classe di antidolorifici chiamati farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). I FANS più importanti sono l’aspirina, l’ibuprofene e il naprossene, tutti disponibili al banco nella maggior parte dei paesi.
Anche se questi farmaci sono generalmente efficaci non solo nel ridurre il dolore e l’infiammazione ma anche nel prevenire alcuni coaguli di sangue, hanno alcuni noti effetti collaterali che dipendono dal farmaco specifico e che includono in gran parte un aumento del rischio di ulcere e sanguinamenti gastrointestinali, nonché di infarto e malattie renali.

Nel nuovo studio condotto all’Università di Aarhus, in Danimarca, si sono esaminati proprio i rischi cardiovascolari del diclofenac rispetto agli altri farmaci antinfiammatori non steroidei (in inglese: Non-Steroidal Anti-Inflammatory Drugs NSAIDs) e risultati includevano dati per oltre 6,3 milioni di adulti in Danimarca con almeno un anno di prescrizioni.

Tuttavia, i ricercatori sottolineano che, mentre il rischio relativo è aumentato in modo significativo, il rischio complessivo era ancora piuttosto basso. Inoltre, è importante notare che questo è uno studio osservazionale, quindi non è stata stabilita alcuna relazione causa-effetto. Ma anche su queste basi, i ricercatori raccomandano l’uso di analoghi antidolorifici che non presentino un rischio maggiore.

Il trattamento del dolore e dell’infiammazione con i FANS può essere utile per alcuni pazienti per migliorare la qualità della vita nonostante i potenziali effetti collateraliscrivono. Ma, considerando i suoi rischi cardiovascolari e gastrointestinali, è poco giustificato iniziare il trattamento con diclofenac prima di altri FANS tradizionali”.

Prima altri FANS e poi magari il diclofenac, dunque, se proprio non si riesce a fare a meno dei farmaci. Ma ricordate che prima ancora ci sono una miriade di rimedi naturali, come nel caso del mal di schiena o di alternative al cortisone.

Leggi anche

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laureata con lode in Scienze Politiche, Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci anni.
Coop

Non solo spremuta! 5 succhi ricchi di vitamine da realizzare con le arance di Sicilia

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Seguici su Instagram
seguici su Facebook