Diabete: presto pillole di insulina al posto delle iniezioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Buone notizie per tutti i malati di diabete insulino dipendenti. Alcuni ricercatori statunitensi stanno mettendo a punto delle capsule di insulina che potrebbero andare presto a sostituire le tradizionali iniezioni.

Per tenere a bada i livelli di zucchero nel sangue, milioni di malati nel mondo hanno esigenza quotidianamente di fare iniezioni di insulina. Un gesto che ad un certo punto diventa automatico ma che comunque è fastidioso e scomodo. La ricerca scientifica è quindi al lavoro già da anni per trovare un’alternativa migliore per i diabetici alle prese ogni giorno con aghi, siringe e confezioni di insulina.

Leggi anche: DIABETE: DAL MIT L’INSULINA CHE SI ATTIVA SOLO SE SERVE
Sembra che ottimi risultati ha ottenuto un team di ricerca della Niagara University (Usa) che ha condiviso i risultati dei primi test al meeting nazionale dell’American Chemical Society (Acs), a Philadelphia. Gli scienziati hanno creato delle pillole di insulina nelle quali il grasso avvolge il principio attivo proteggendolo durante il percorso all’interno dell’organismo e facendolo arrivare indenne nel sangue.

Leggi anche: DIABETE: I 10 SINTOMI INIZIALI PIÙ COMUNI
La vera sfida che questi ricercatori hanno dovuto affrontare è il passaggio nello stomaco, un punto molto delicato dato l’ambiente particolarmente acido che lo contraddistingue e che rischia di rovinare il principio attivo non facendolo arrivare lì dove serve. Il team americano è riuscito però a superare l’ostacolo, così ha spiegato Mary McCourt, una delle coordinatrici della ricerca:

“Abbiamo sviluppato una nuova tecnologia chiamata Cholestosome che è una particella neutra a base lipidica in grado di fare alcune cose molto interessanti”.

Sostanzialmente la barriera dello stomaco è stata superata incapsulando l’insulina in molecole lipidiche naturali, ovvero del grasso. I test effettuati dai ricercatori hanno dimostrato che una volta assemblati in sfere, i lipidi vanno a formare delle particelle neutre in grado di resistere all’acidità dello stomaco. Una volta poi nell’intestino vengono assorbiti e arrivano nel sangue dove rilasciano l’insulina.

Servono ovviamente ulteriori test per confermare i risultati raggiunti. Occorre infatti ancora del tempo per arrivare ad una sperimentazione sull’uomo che si mostrerà risolutiva e che potrebbe cambiare la vita a tanti malati di diabete nel mondo.

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook