@Simpson33/123rf

Diabete: dagli esperti di Harvard, 5 semplici step per abbassare la glicemia e prevenire i picchi di insulina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il diabete di tipo 2 è una patologia sempre più diffusa tra adulti e più giovani. Ecco i consigli dei ricercatori per abbassare la glicemia

Il diabete è una malattia cronica che si manifesta quando il pancreas non produce abbastanza insulina (l’ormone che regola la glicemia), o quando il corpo non può utilizzare efficacemente l’insulina che produce. L’iperglicemia, o aumento della glicemia, è una conseguenza del diabete incontrollato e, se non trattata, porta a gravi danni, in particolare ai nervi e ai vasi sanguigni.

Secondo l’OMS, sebbene il diabete non sia una malattia trasmissibile, il numero dei pazienti in tutto il mondo è in aumento. Questa difficile patologia colpisce un numero sempre crescente di adulti e, con l’aumento dei tassi di obesità infantile, è diventata più comune anche nei giovani.  

Il prediabete e il diabete di tipo 2 sono in gran parte prevenibili apportando cambiamenti nello stile di vita, riducendo così le possibilità di sviluppare malattie cardiache e alcuni tipi di cancro. Secondo uno studio dei ricercatori dell’Harvard TH Chan School of Medicine per prevenire il diabete occorre avere uno stile di vita attivo e seguire una corretta alimentazione. 

Ecco alcuni consigli per ridurre il rischio di diabete; ovviamente, è sempre importante consultare il proprio medico.

  1. Attenzione al peso: essere in sovrappeso o obesi aumenta il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Avere un eccesso di grasso addominale (cioè un girovita ampio) è considerata una forma di obesità ad alto rischio. Diversi studi suggeriscono che il grasso addominale induce le cellule adipose a rilasciare sostanze chimiche pro-infiammatorie, che possono rendere il corpo meno sensibile all’insulina che produce interrompendo la funzione delle cellule sensibili all’insulina e la loro capacità di risposta. Questo è noto come insulino-resistenza, il segno distintivo del diabete di tipo 2. 
  2. Rimani attivo: l’inattività favorisce il diabete di tipo 2. Muoversi e allenarsi spesso migliora la capacità dei muscoli di usare l’insulina e assorbire il glucosio. Questo mette meno stress sulle cellule che producono insulina. Uno studio australiano afferma che, le prove epidemiologiche indicano che un tempo eccessivo trascorso stando seduti è associato a un aumentato rischio di diabete di tipo 2.
  3. Analizza e modifica la tua dieta: mettere a punto una dieta sana ed equilibrata può avere un grande impatto sul rischio di diabete di tipo 2. Il consiglio è evitare le bevande zuccherate e prediligere, invece, acqua, caffè o tè. Optare per grassi sani, limitare la carne rossa e gli alimenti lavorati. Scegli, invece, cereali integrali e legumi.
  4. Smetti di fumare o non iniziare se non l’hai ancora fatto: i fumatori hanno circa il 50% in più di probabilità di sviluppare il diabete rispetto ai non fumatori, e i fumatori accaniti hanno un rischio ancora maggiore. Secondo la FDA statunitense, il fumo può anche rendere più difficile la gestione della malattia e la regolazione dei livelli di insulina perché alti livelli di nicotina possono ridurre l’efficacia dell’insulina, facendo sì che i fumatori abbiano bisogno di più insulina per regolare i livelli di zucchero nel sangue.
  5. Tieni sotto controllo il consumo di alcol: alcuni studi indicano che il consumo moderato di alcol riduce il rischio di diabete di tipo 2, ma di contro l’assunzione eccessiva ne aumenta il rischio. Quindi, se già bevi alcolici la chiave è mantenere il consumo entro un intervallo moderato, poiché quantità maggiori potrebbero aumentare la possibilità di sviluppare il diabete.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Harvard T.C. Chan

Sul diabete ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook