Depressione: entro il 2030 tra le malattie più diffuse

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Depressione: un italiano su tre la teme subito dopo il cancro. Una malattia che secondo l’Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna, continua a diffondersi a macchia d’olio e che ancora non vede una cura definitiva.

Nel primo “Libro Bianco sulla depressione” presentato alla Camera dei Deputati, l’Onda ha pubblicato i risultati di un’indagine svolta su campione di 1004 volontari, di cui 503 donne e 501 uomini. La depressione è stata analizzata in tutti i suoi aspetti, da quelli sociali a quelli terapeutici assistenziali, da quelli economici a quelli epidemiologici, senza dimenticare quelli clinico diagnostici.

LEGGI anche: 10 RIMEDI NATURALI CONTRO LA DEPRESSIONE

È emerso così che questa malattia sia un disturbo molto temuto tra la popolazione, addirittura seconda solo al cancro. I dati italiani dell’Organizzazione mondiale della Sanità lo confermano: un italiano su tre ne soffre e la depressione grave può costare fino a 11.000 euro l’anno a paziente solo per costi diretti, legati a farmaci, complicanze e ricoveri.

Un italiano su quattro ritiene la depressione come una condizione mentale che non si può capire fino in fondo e con cui si può solo convivere. Secondo gli intervistati che ne hanno sofferto, l’insorgere della malattia è il risultato di diversi fattori, tra questi i traumi (69%) e lo stress (60%). Chi invece non è mai stato depresso ritiene che ne soffra solo chi è emotivamente fragile.

LEGGI anche: 10 SINTOMI DI DEPRESSIONE DA NON SOTTOVALUTARE

Ai volontari è stato poi chiesto di descrivere i sintomi principali, il risultato sono i pensieri negativi (69%), la solitudine (67%) e la tristezza (63%). Per un intervistato su tre, anche i disturbi di natura cognitiva, come la difficoltà a prendere decisioni e a mantenere la concentrazione, provocano un forte impatto sulla qualità della vita.

“L’obiettivo di Onda nella lotta contro la depressione è di aumentare la conoscenza e la consapevolezza di questa malattia, nonché ridurre lo stigma nella popolazione, avvicinando i pazienti a una diagnosi precoce e a cure tempestive e contribuendo a migliorare la qualità e l’accessibilità dei servizi ospedalieri e territoriali dedicati”, ha sottolineato Francesca Merzagora, presidente Onda.

depressione

In Italia sono oltre 4 milioni le persone depresse e le donne sono più coinvolte rispetto agli uomini, secondo l’Oms entro il 2030 la depressione costituirà la malattia cronica più diffusa.

“A ciò si aggiunge il profondo cambiamento del ruolo multitasking femminile con l’aumento della quantità di lavoro, maggiori carichi di responsabilità associati a ruoli professionali apicali, conciliazione, acquisizione di abitudini di vita scorrette, che accentua ancor più lo stress fisico e psico‐emotivo, considerato dalla maggioranza delle donne una delle principali cause della depressione”, ha concluso il presidente Onda.

Dominella Trunfio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook