Depressione: in inverno aumenta soprattutto tra le donne

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Certamente la stagione autunnale e l’inizio dell’inverno sono periodi impegnativi sia a livello fisico (compaiono i primi raffreddori ed influenze) che a livello psicologico, almeno per quelle persone particolarmente sensibili ai cambiamenti e un po’ meteoropatiche. Ecco perché è proprio in questo momento dell’anno che, complice un tempo freddo e spesso grigio o nebbioso, aumentano i casi di depressione di un 2-3% rispetto al resto dell’anno, con un picco di 4 volte maggiore nel gentil sesso.

A spiegare questo fenomeno e i sintomi che porta con sé è stato lo psicoterapeuta Giovanni Porta: “La depressione invernale. Una vera patologia che può dare ansia, perdita di energie, tendenza a dormire di più, ritiro sociale, perdita di interessi, aumento dell’appetito, mancanza di speranze, variazioni di peso, difficoltà di concentrazione”.

Naturalmente a risentire di più della stagione autunno-inverno a livello umorale sono le persone che vivono in quelle zone dove è minore la presenza di sole, i paesi scandinavi in primis. Ormai sappiamo quanto sia importante una quotidiana e moderata esposizione ai raggi solari per mantenere sempre alto il buon umore. Non è un caso dunque che si risenta maggiormente nei periodi grigi e freddi, quando fa buio presto, si sta molto coperti e le lunghe e assolate giornate estive sono un ricordo ormai passato.

Ecco dunque che il consiglio dell’esperto per prevenire queste cattive sensazioni o affrontarle se già si sono presentate è proprio quello di “stare alla luce approfittare delle ore più calde per stare all’aperto e fare passeggiate, se possibile in compagnia di amici”.

Nei casi più seri invece è sempre consigliabile rivolgersi ad uno psicoterapeuta.

Francesca Biagioli

LEGGI ANCHE:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook