Depressione: la causa potrebbe essere nel tuo intestino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dove ha origine la depressione? Secondo una nuova ricerca, la risposta si trova nel nostro intestino. Una carenza di certi batteri potrebbe infatti far insorgere questo problema, considerato uno dei “mali del secolo”.

Ormai è chiaro e assodato: la salute dell’intestino è una delle chiavi del nostro benessere a 360°. Sempre più ricerche mettono in luce come questo organo sia importante, non solo per la salute del tratto gastro-intestinale, ma anche per organi e tessuti molto lontani da lui. Non sono esclusi neppure cervello e sistema nervoso.

Secondo una nuova ricerca, condotta in Belgio e pubblicata su Nature Microbiology, la carenza di specifici batteri intestinali sarebbe da collegare alla comparsa di depressione.

Per arrivare a questo risultato, il team di ricerca, guidato da Jeroen Raes del VIB-KU di Lovanio, ha messo a confronto la salute di due campioni indipendenti di persone: il primo composto da 1054 individui che facevano parte dello studio Flemish Gut Flora Project e il secondo composto da 1062 individui, parte del Dutch LifeLinesDEEP. In entrambi i gruppi, vi erano persone sane e persone affette da depressione.

I risultati dello studio

Studiando il genoma del microbiota intestinale di tutti i partecipanti, sono state notate differenze importanti nella composizione della flora batterica di chi soffriva di depressione rispetto ai soggetti sani.

Si è scoperto che sarebbero in particolare due tipi di batteri, il Coprococcus e il Dialister, ad essere in minor numero nell’intestino delle persone depresse.

La ricerca ha poi notato come l’attività di alcuni batteri intestinali sia importante per la salute mentale in quanto aiuta nella produzione di dopamina, neurotrasmettitore che ci dona sensazioni di benessere e gratificazione. Averne un maggior numero nel proprio intestino è dunque un vantaggio per cervello e sistema nervoso e abbasserebbe il rischio depressione.

Gli stessi ricercatori sono ora pronti a fare un passo successivo. In primavera partirà un nuovo studio utile a capire meglio il ruolo dei batteri intestinali e il loro coinvolgimento nella comparsa di depressione.

E chissà che in futuro questo male non si possa prevenire o curare attraverso un azione mirata sull’intestino…

Leggi anche:

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook