Depilazione intima totale: puo’ causare infezioni anche gravi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sembra che sia di gran moda, soprattutto in Europa e America, la depilazione totale delle parti intime, in alcuni casi utilizzando anche la tecnica del laser e dunque facendola diventare definitiva. Contemporaneamente però sta aumentando la diffusione di malattie sessualmente trasmissibili e tra le due cose, a detta di alcune ricerche condotte in Spagna e Stati Uniti, ci sarebbe correlazione.

La tendenza alla depilazione totale delle parti intime ha scatenato negli ultimi periodi molte polemiche in tutto il mondo e anche una celebrità come Cameron Diaz è intervenuta sull’argomento difendendo la necessità di mantenere una giusta quantità di pelo, utile a difendere una zona così delicata del corpo femminile e, dunque, a tutti gli effetti una misura igienica importante.

Adesso arriva la conferma di tutto questo da due ricerche scientifiche, la prima condotta all’Accademia spagnola di Dermatologia di Barcellona e la seconda dall’Health Center della Western Washington University. Entrambe hanno evidenziato come questa pratica di bellezza tanto amata e diffusa comporta di contro dei rischi molto seri di contrarre malattie, in particolare funghi, herpes, Papilloma virus (Hpv), verruche genitali e sifilide, di cui negli ultimi anni si è registrato un aumento di casi segnalati, soprattutto tra i giovanissimi. Ovviamente la depilazione totale è rischiosa non solo per chi la effettua ma anche per i partner con cui si viene a contatto e fa sì dunque che queste malattie si propaghino più facilmente.

Gli esperti definiscono questa moda “assurda”, infatti peli e capelli nel nostro corpo hanno un ruolo ben preciso: i capelli servono a proteggere la testa da scottature e traumi, le sopracciglia e le ciglia fanno sì che sia minore il rischio di lesioni agli occhi e i peli pubici evitano lesioni, urti e infezioni genitali durante i rapporti sessuali. Anche l’utilizzo del preservativo ovviamente protegge dal rischio di contrarre malattie sessualmente trasmissibili ma solo in parte, dato che il suo utilizzo non riguarda la zona pubica che, senza più peli, è maggiormente soggetta a sfregamenti che possono provocare appunto irritazioni e infezioni.

Ma si può almeno sfoltire un po’ il pelo? Secondo gli esperti sì, l’importante è mantenerne a sufficienza nella zona centrale del pube. Nelle parti laterali invece non esisterebbe un rischio tanto alto di contagio e si può tagliare di più. L’alternativa è quella di unirsi allo slogan di Cameron Diaz: “bush is back”!

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Ceretta araba al caramello: per i peli superflui basta un poco di zucchero

Ceretta allo zucchero: come farla in casa

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook