Demenza: rischio maggiore se si hanno pressione alta e diabete

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi soffre di pressione alta e diabete, in particolare nella fascia d’età che va dai 40 ai 64 anni, sarebbe più soggetto ad incorrere nella demenza. La scoperta è di un nuovo studio pubblicato su Neurology.

Per arrivare a questa conclusione, gli scienziati della Mayo Clinic di Rochester, guidati da Rosebud O. Roberts, hanno coinvolto un ampio gruppo di persone: 72 di esse avevano sviluppato il diabete tra i 40 e i 64 anni, 142 invece l’avevano rilevato successivamente e 1.192 pazienti erano sani. In riferimento alla pressione alta, invece, 449 partecipanti l’avevano fin dalla mezza età; 448 l’avevano sviluppata solo in vecchiaia e 369 non l’avevano affatto.

Tutte le persone sono state sottoposte a scansioni cerebrali per vedere se si potevano rilevare marcatori di eventuali danni cerebrali e dunque fattori di rischio per sviluppare la demenza, tenendo presente però che nessuno di essi aveva mai riscontrato fino a quel momento problemi legati a memoria o altre funzioni cognitive.

Quello che hanno notato i ricercatori è che, coloro che avevano sviluppato il diabete durante la mezza età avevano un volume del cervello più basso in media del 2,9% e nella zona dell’ippocampo la riduzione era addirittura del 4%. In questo gruppo quindi, a causa della perdita di preziose cellule cerebrali, cresceva il rischio di incorrere in problemi come appunto la demenza. Marcatori simili si sono riscontrati anche in chi aveva sviluppato pressione alta nella mezza età.

Così ha concluso la dottoressa Roberts, membro di AAN (American Academy of Neurology): «Se siamo in grado di prevenire o controllare il diabete e la pressione del sangue alta nella mezza età siamo in grado di prevenire o ritardare il danno cerebrale che si verifica decenni più tardi e porta alla perdita di memoria, problemi di pensiero e la demenza».

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Carne e cibo spazzatura alimentano Alzheimer e demenza

– Stress: nelle donne di mezza eta’ aumenta il rischio di demenza

– Anemia: la carenza di ferro aumenta il rischio di demenza senile

Dieta mediterranea: allontana Alzheimer e demenza meglio dei farmaci

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook