Cancro al seno: estratto di foglie di Curry Tree per contrastare le cellule tumorali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Proseguono gli studi per cercare di contrastare la presenza di cellule cancerogene, alla base dei tumori. Con particolare riferimento al tumore al seno, gli esperti appartenenti al National Institute of Nutrition di Hyderabad, in India, hanno sperimentato l’utilizzo dell’estratto proveniente dalle foglie di una pianta di origine locale, denominata Murraya koenigii, al fine di verificarne l’azione nei confronti delle cellule cancerogene.

La pianta di Murraya koenigii presenta foglie che vengono utilizzare nella tradizione culinaria indiana per insaporire le pietanze. Essa, in inglese, viene denominata anche come Curry Tree, espressione derivata da una imitazione del nome che alla pianta viene attribuito in India: “kadipatta”, pronunciato come “curry-pratta”.

Attenzione dunque: parlando di estratto di foglie di Curry Tree non ci riferiamo alla miscela di spezie di origine indiana chiamata comunemente curry, ormai ben nota anche in Occidente e composta solitamente da un insieme di ingredienti in polvere per il condimento, tra i quali si possono trovare cumino, coriandolo, zenzero, chiodi di garofano, peperoncino e curcuma.

Lo studio in questione ha condotto gli esperti dell’istituto indiano alla pubblicazione di un articolo scientifico che porta il titolo di “Murraya koenigii leaf extract inhibits proteasome activity and induces cell death in breast cancer cells” e che è stato pubblicato di recente tra le pagine della rivista “BMC Complementary & Alternative Medicine”.

Per quanto riguarda lo studio in questione, gli esperti hanno preso in considerazione l’attività del complesso multiproteico denominato proteasoma 26S nei meccanismi di formazione del cancro al seno e il fatto che i polifenoli possano rivelarsi in grado di inibire tale processo, provocando la morte delle cellule tumorali.

I ricercatori hanno testato gli effetti dell’estratto di Curry Tree (Murraya koenigii) sulle cellule tumorali legate al cancro al seno ed hanno verificato come esso abbia potuto ridurre l’attività del proteasoma 26S, limitando la crescita della massa tumorale e favorendo la morte delle cellule cancerogene (apoptosi). I medesimi effetti sono stati riscontrati per quanto concerne cellule tumorali presenti nei polmoni. L’effetto dell’estratto impiegato non compromette le cellule sane. A partire da esso, i ricercatori ipotizzano di poter ricavare un coadiuvante utile nelle terapie atte a contrastare il cancro.

Marta Albè

LEGGI anche:

5 alimenti che le donne dovrebbero consumare di più

Il tumore al seno si previene con le carote

Tumore al seno: il cadmio nei fertilizzanti aumenta il rischio

Tumore al seno: dal caffè un aiuto per le donne in menopausa

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook