Curcuma per prurito, psoriasi ed eczema. Come e quando utilizzarla per la pelle

Maschera curcuma

La curcuma (Curcuma longa) è una nota spezia originaria dell’India, utilizzata anche nelle medicine tradizionali ayurvedica e cinese e in fitoterapia.

Grazie alle proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, la curcuma può essere utilizzata anche per la cura della pelle,in particolare per lenire gli arrossamenti cutanei e il prurito dati da eczema e psoriasi.

Vediamo come e quando utilizzare la curcuma in sicurezza per la salute della pelle.

Psoriasi ed eczema, cosa sono

Psoriasi ed eczema sono malattie della pelle molto comuni e diverse tra loro.
La psoriasi è una malattia autoimmune che colpisce l’1-2% della popolazione a livello globale, provocando un’infiammazione cronica della pelle.
Le persone che soffrono di psoriasi presentano delle placche cutanee caratteristiche inizialmente arrossate e successivamente ricoperte da squame argentate. Le placche della psoriasi, oltre a provocare un grande disagio estetico, causano prurito incostante e, a volte, dolore.
La causa dell’insorgenza della malattia non è chiara e probabilmente vi è un’origine genetica. Non esiste al momento una cura definitiva per la psoriasi e la patologia tende a regredire e riacutizzarsi nel corso della vita, peggiorando in caso di forte stress.

L’eczema è invece una dermatite che colpisce il 15-30% dei bambini e il 2-10% degli adulti causando infiammazione della pelle, secchezza cutanea e prurito.
Come per la psoriasi,anche la causa dell’eczema non è nota e si ipotizza che alla base della malattia vi siano fattori costituzionali e ambientali.
I trattamenti per l’eczema includono prodotti topici idratanti e antifiammatori da applicare per lenire i sintomi.

Benefici della curcuma per la psoriasi

Il rizoma della curcuma contiene sostanze colorate dette curcuminoidi, di cui la curcumina è il componente più importante, un olio essenziale, monosaccaridi e polisaccaridi.
Alla curcuma sono ormai riconosciute proprietà antinfiammatorie, oltre a una spiccata attività antiossidante.

Negli studi disponibili, la curcuma ha dimostrato di essere in grado di diminuire l’infiammazione provocata dalla psoriasi sia per uso topico sia per uso orale.

In particolare, la somministrazione orale di estratti di curcumina ad alta biodisponibilità per un periodo di 20 giorni, così come l’applicazione di gel contenenti l’1% di curcumina, hanno dimostrato di riuscire a ridurre l’infiammazione cutanea e la formazione delle placche tipiche della psoriasi.

Negli studi disponibili, l’assunzione di curcumina si è dimostrata sicura e priva di effetti collaterali.

Benefici della curcuma per l’eczema

Nei paesi d’origine, le proprietà della curcuma sono da sempre sfruttate per il trattamento dei sintomi dell’eczema.
In uno studio condotto su 150 persone, l’applicazione quotidiana per un mese di creme contenenti curcumina hanno dimostrato di riuscire a ridurre per oltre il 30% il prurito, l’arrossamento e il gonfiore cutanei associati alla dermatite atopica e all’orticaria.
Tuttavia, la crema oggetto dello studio conteneva anche altre erbe antinfiammatorie, dunque non è possibile determinare se la curcuma da sola possa alleviare tali sintomi.

Una recente revisione che ha preso in esame i risultati di 18 studi ha però dato buoni risultati in merito all’uso della curcumina per il trattamento dell’eczema sia per via topica che per via orale.

Anche in questo caso la somministrazione di curcumina ha dimostrato di essere sicura ma va sottolineato che gli studi disponibili sono stati effettuati su persone adulte e non sui bambini, più colpiti dall’eczema rispetto alla popolazione adulta.

Generalmente l’assunzione di curcuma è considerata sicura sia per adulti che per i bambini, ma prima di somministrare integratori a base di curcumina per tempi prolungati o sui bambini è preferibile consultare il medico o il pediatra.

Come utilizzare la curcuma per la pelle

In caso di problemi di pelle come la psoriasi o l’eczema è possibile utilizzare integratori, fitofarmaci o creme a base di curcumina per lenire i sintomi.

Poiché la curcumina presenta una scarsa biodisponibilità e dato che la psoriasi e l’eczema sono malattie per le quali occorre essere seguiti da un medico, in caso si assunzione orale è preferibile consultare il proprio dermatologo per sapere se la curcuma possa essere d’aiuto in base alla propria condizione e per conoscere il dosaggio corretto da assumere.

Per quanto riguarda l’uso topico, è possibile applicare una volta al giorno una crema a base di curcuma sulle zone colpite da psoriasi per lenire arrossamento, irritazione e prurito.

Maschera fai da te alla curcuma

Chi cerca un rimedio semplice e sicuro da realizzare in pochi minuti per trarre immediato sollievo per la pelle può provare questa maschera fai da te.

Per prepararla, è sufficiente mescolare mezzo cucchiaino di curcuma in polvere a un cucchiaino di miele e applicare il composto sulle zone da trattare. Dopo aver lasciato in posa l’impacco per almeno dieci minuti, lo si può risciacquare con acqua tiepida.

Le maschere e gli impacchi a base di curcuma possono essere effettuati una o due volte alla settimana e la curcuma non macchia la pelle in modo duraturo.

Leggi anche:

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario Saponi e cosmetici fai da te, "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Seguici su Instagram
seguici su Facebook