Creato l’occhio bionico che imita la retina e potrebbe ripristinare la vista di milioni di persone

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un occhio artificiale sensibile e funzionante quasi quanto quello umano: un team di ingegneri robotici è stato in grado di sviluppare un prototipo di occhio bionico che potrebbe ridare la vista di circa 285 milioni di persone non vedenti.

Si tratta di una vera e propria protesi visiva messa a punto dagli ingegneri della Hong Kong University of Science and Technology che, in un articolo pubblicato su Nature, spiegano come la EC-EYE, abbreviazione di ElectroChemical EYE (che, ipotizzano, potrebbe essere disponibile in 5 anni), si ispiri del tutto alla retina umana, uno dei tessuti più sensibili che possediamo, fornendo fino all’80% di tutte le informazioni sui nostri dintorni.

L’occhio bionico imita la forma a cupola della retina umana che affina la messa a fuoco e riduce la diffusione della luce mentre attraversa dieci milioni di cellule fotorecettive per centimetro quadrato, tutte  caratteristiche naturali finora impossibili da replicare con materiali artificiali.

Come funziona l’occhio bionico

A essere stati sviluppati sono stati dei fotorecettori ad alta densità posti all’interno dei pori dell’ossido di alluminio, un minerale quasi duro come i diamanti che avrebbe funzionato per imitare la retina.

occhio bionico

©Nature

occhio bionico 1

©Nature

Nello specifico, i ricercatori guidati da Zhiyong Fan hanno progettato un modello di occhio artificiale su scala nanometrica tramite una retina emisferica di ossido di alluminio nella quale sono stati posti dei nanofili sensibili alla luce realizzati con la perovskite, un minerale, che imitano i fotorecettori dell’occhio umano. Hanno poi messo a punto dei fili di metallo liquido simili alle fibre nervose che collegano gli occhi umani al cervello per poi trasmettere i segnali dai fotorecettori (i nanofili di perovskite) ai circuiti esterni per elaborarli.

Dalle sperimentazioni è stato osservato che la somiglianza strutturale con un occhio reale ha dotato l’occhio bionico di un ampio campo visivo di 100 gradi (per fare un confronto, il campo visivo di entrambi gli occhi umani è 130-135º in verticale).

La somiglianza della struttura dell’occhio artificiale è sicuramente impressionante, ma ciò che lo distingue davvero dai dispositivi precedenti è che molte delle sue capacità sensoriali sono paragonabili con quelle di un occhio naturale – spiega Hongrui Jiang, ingegnere biomedico dell’Università del Wisconsin. Ad esempio, la retina artificiale è in grado di rilevare un’ampia gamma di intensità della luce, da 0,3 microwatt a 50 milliwatt per centimetro quadrato. Alla minima intensità misurata, ciascun nanofilo nella retina artificiale ha rilevato una media di 86 fotoni al secondo, al pari dei fotorecettori nelle retine umane. Questa straordinaria sensibilità deriva dal materiale perovskite di cui sono composti i nanofili”.

Per ora l’occhio artificiale è un prototipo a bassa risoluzione composto da 100 pixel, ma i ricercatori ritengono che in futuro sarà in grado di imitare del tutto le abilità di un occhio umano, se non addirittura essere migliore.

Fonte: Nature

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Carnitina

Benefici, controindicazioni e quando è consigliato assumerla

Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook