Non solo condizionatori, anche i ventilatori aumentano la diffusione del virus. Gli esperti mettono in guardia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il caldo sta per arrivare. Ma, ai tempi del Coronavirus, sarà meglio evitare persino i ventilatori.

Se fino a ora sapevamo che l’aria condizionata può essere molto pericolosa, grazie all’ormai famoso “studio sul ristorante”, ora gli esperti lanciano l’allarme anche sui ventilatori, elettrodomestici tanto amati in tempi di calura estiva.

“Può essere più pericolosa la ventilazione, quindi il “vento” che può uscire dal ventilatore o dal condizionatore, che non il circuito di condizionamento. Mettersi sotto vento spinge le particelle nell’aria, che così possono fare più di un metro e mezzo (cioè superare lo spazio di distanziamento raccomandato NDR). Lo dico in maniera semplice: bisogna evitare la ventilazione, che può aumentare la distanza percorsa dal virus”.

A spiegarlo a chiare lettere è stato Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana malattie infettive (Simit), ospite della trasmissione ‘Agorà’, su Rai3.

Il consiglio, quindi, è quello di non puntare mai addosso il flusso d’aria. Gli impianti di condizionamento con un flusso in entrata e in uno in uscita sono i più sicuri.

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook