Coronavirus: come funziona il robot “low cost” che disinfetta gli ambienti usando la luce ultravioletta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un robot che si sostituisce all’uomo sanificando e disinfettando gli ambienti contaminati con la luce e che costa decisamente meno rispetto ai “colleghi” finora in uso. A fornire questa soluzione è stato un team di ricerca argentino, che ha creato UVR, un robot in grado di decontaminare gli ambienti in pochi minuti, senza uso di sostanze chimiche e sfruttando le potenzialità dei raggi UV.

Sembra un’arma uscita da un film di fantascienza, ma non è una spada laser di Star Wars eppure è in grado di metterci al riparo dal coronavirus. Esistono svariati sistemi di questo tipo ma l’ultimo arriva dall’Argentina.

L’idea è di Martín González, CEO dell’azienda UVR, che una volta iniziata la pandemia ha cominciato a studiare le potenziali soluzioni legate all’emergenza. Così è nato questo speciale robot, in grado di disinfettare gli ambienti e combattere il coronavirus usando la luce UV.

Come funziona UVR

Utilizzando uno scanner laser 3D, UVR analizza l’intera stanza, calcola il tempo e la posizione in cui deve trovarsi ed emette radiazioni UV-C per rimuovere DNA e RNA di virus e batteri. La disinfezione dello spazio può richiedere tra 5 e 15 minuti, a seconda delle dimensioni del luogo.

“Per rendere inattivi diversi microrganismi utilizziamo una certa quantità di luce ultravioletta. La sfida era come calcolarla per il luogo da disinfettare. Ciò deve essere adattato allo spazio e illuminare tutti gli angoli”, spiega Martín González, responsabile della parte meccanica del progetto.

Un altro vantaggio del robot è che può essere azionato dal telecomando. In questo modo, nel caso in cui si debba disinfettare una stanza in cui è stato trattato un paziente positivo, nessuna persona dovrà esporsi al Covid-19, evitando anche potenziali errori umani.

Un dispositivo low cost rispetto ai suoi simili

UVR ha un vantaggio non indifferente. Rispetto ai dispositivi attualmente in commercio il cui costo si aggira attorno ai 90-100mila euro, UVR può essere acquistato a un prezzo che va da 3 a 9 mila euro.

Il dispositivo è progettato per essere utilizzato in ospedali, scuole, banche, mezzi di trasporto, fabbriche, uffici, cinema e in molti altri luoghi pubblici.

A elencare i vantaggi è la stessa azienda secondo cui:

“La disinfezione è rapida ed efficace. È possibile accedere alla stanza disinfettata e utilizzarla immediatamente dopo il completamento della disinfezione. Il processo di disinfezione non richiede agenti chimici. La tecnologia UV-C non genera prodotti secondari o rifiuti. L’elevata capacità di portata del metodo UV-C consente di disinfettare direttamente e indirettamente le superfici irradiate”.

Ecco come funziona:

La stessa tecnologia è già utilizzata in paesi come la Cina o la Spagna. Tali paesi ne stanno valutando l’acquisto visti i costi competitivi.

Fonti di riferimento: Uvrobotics,

LEGGI anche:

La macchina a raggi UV che disinfetta in 5 minuti le stanze degli ospedali dal coronavirus

I Coronavirus resistono fino a 9 giorni su metallo, legno e altre superfici, ma sono facilmente disinfettabili

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook