Coronavirus: “No all’ibuprofene se si sospetta infezione”, il consiglio dell’OMS

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Meglio non assumere ibuprofene se si sospetta infezione da Covid-19 e senza aver sentito un parere medico. Ora a dirlo non è più solo il ministro della sanità francese, ma è direttamente l’OMS e in particolare il portavoce Christian Lindmeier durante la conferenza stampa di questa, martedì 17 marzo, a Ginevra.

No, dunque a Nurofen e altri farmaci contenenti ibuprofene senza aver consultato un parere medico. Lindmeier ha dichiarato che, nonostante attualmente non ci siano studi recenti che colleghino il noto farmaco antinfiammatorio con un aumento dei tassi di mortalità da nuovo coronavirus, gli esperti stanno indagando sulla correlazione e, nel frattempo:

“Raccomandiamo il paracetamolo, non l’ibuprofene per l’automedicazione” ha dichiarato il portavoce specificando che la raccomandazione riguarda solo l’assunzione senza consiglio medico.

I commenti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità fanno seguito alla “messa in guardia” da parte dei principali funzionari sanitari francesi e del ministro stesso della sanità d’oltralpe sui cosiddetti FANS – farmaci antinfiammatori non steroidei che comprende prodotti come ibuprofene, aspirina e diclofenac –  contro il Covid-19.

Un recente articolo sulla rivista medica The Lancet aveva già avanzato l’ipotesi che alcuni farmaci, incluso l’ibuprofene, avrebbero potuto rappresentare un rischio per i pazienti Covid-19 che soffrono anche di ipertensione e diabete.

La questione però è tornata alla ribalta nel week end dopo il tweet del Ministro della sanità francese in cui sconsigliava l’uso degli infiammatori non stereodei. Anche il direttore sanitario nazionale Jérôme Salomon aveva fatto una dichiarazione simile.

Fonti: Welt.de / Adnkronos /

Leggi tutti i nostri articoli sul Covid-19

Ti potrebbe interessare anche:

 

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook