Coronavirus, “Ibuprofene, cortisone e antinfiammatori peggiorano l’infezione”. L’appello del ministro francese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In caso di febbre non utilizzate ibuprofene cortisone e altri farmaci anfinfiammatori perché potrebbero aggravare l’infezione da covid-19. È questo, in sostanza, il tweet con cui il ministro francese della sanità Oliver Véran ha messo in guardia i cittadini francesi, alle prese in queste ore con l’aggravarsi anche nel loro Paese dell’epidemia di Coronavirus.

“L’assunzione di farmaci antinfiammatori (ibuprofene, cortisone …) potrebbe essere un fattore di peggioramento dell’infezione. In caso di febbre, assumere paracetamolo. Se sta già assumendo farmaci antinfiammatori o in caso di dubbio, chiedi consiglio al tuo medico ” ha cinguettato il Ministro

⚠️ #COVIDー19 | La prise d’anti-inflammatoires (ibuprofène, cortisone, …) pourrait être un facteur d’aggravation de l’infection. En cas de fièvre, prenez du paracétamol.
Si vous êtes déjà sous anti-inflammatoires ou en cas de doute, demandez conseil à votre médecin.

— Olivier Véran (@olivierveran) March 14, 2020

L’ibuprofene, venduto come generico o con altri vari nomi commerciali come ad esempio Nurofen, era già stato accusato di peggiorare infezioni già esistenti e, per questo, in Francia da metà gennaio è somministrato solo mediante ricetta medica. La vendita self-service nelle farmacie era stata proibita, come pure quella dell’aspirina e del paracetamolo stesso, a seguito delle ricerche che confermavano i gravi danni al fegato se assunto in dosi troppo elevate.

In caso di febbre si consiglia di contattare il proprio medico curante e chiamare i numeri messi a disposizione per seguire il protocollo messo in atto dal ministero della Salute.

Ti potrebbe interessare anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook