Coronavirus: il farmaco anti-artrite funziona. Migliorati i pazienti gravi. Verso il protocollo nazionale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Buone notizie sul fronte dell’impiego di Tocilizumab, il farmaco anti-artrite, nei pazienti contagiati da coronavirus. A Napoli due pazienti hanno già mostrato risultati ottimi e uno dei due sarà a breve estubato. Nel frattempo, è iniziato il trattamento su altre due persone. A dichiararlo è l’oncologo Paolo Ascierto, del Pascale di Napoli in un’intervista a Il Mattino che chiede subito un protocollo nazionale per estendere l’impiego di Tocilizumab su chi ha contratto il coronavirus.

“Il farmaco ha dimostrato di essere efficace contro la polmonite da Covid-19. Sono stati trattati i primi 2 pazienti in Italia, in 24 ore la terapia ha evidenziato ottimi risultati e domani sarà estubato uno dei 2 pazienti perché le sue condizioni sono migliorate. Ieri, è iniziato il trattamento ad altre 2 persone ed oggi ne tratteremo altre due”, dice l’oncologo al quotidiano di Napoli.

Ne avevamo già parlato qualche giorno fa, per adesso è un trattamento sperimentale ma il Tocilizumab sta dando buoni risultati. L’uso di questo farmaco che è sul mercato dal 2010 e che ha il potere di inibire livelli elevati di Interleuchina 6 (IL-6) alla base di alcune malattie infiammatorie, è stato già approvato in Cina. Come riporta la Reuters, la National Health Commission cinese ha dichiarato nelle linee guida per il trattamento del virus che il Tocilizumab può essere usato per trattare i pazienti con coronavirus con gravi danni ai polmoni e alti livelli di IL-6.

“Altri pazienti hanno già ricevuto la terapia anche nei centri di Bergamo, Fano e Milano. Ma è molto importante che il suo utilizzo venga esteso quanto prima, così potremo salvare più vite”, chiosa Ascierto.

Fonti: Il Mattino/Reuters

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook