Rubati disinfettanti e mascherine da reparto di oncologia infantile. Anche a Berlino è “delirio” Coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Questa è una di quelle notizie che fatichiamo anche a darvi. Sì, c’entra il coronavirus. No, non stiamo dando altri numeri su contagi, guarigioni e vittime. È una storia triste quella che arriva dalla civile Germania, dove in un ospedale pediatrico, dal reparto di oncologia sono stati rubati disinfettanti, guanti e altro materiale sterile.

Un gesto di sciacallaggio che fa rabbrividire. Se è vero che nel nostro paese i disinfettanti sono stati venduti in grandi quantità e non si trovano più sugli scaffali dei supermercati e delle farmacie, non va meglio nel Nord Europa, in Germania, ad esempio, dove pur di averne un po’ si ruba addirittura negli ospedali che curano i bambini colpiti da tumore.

È successo a Berlino, preso la Clinica Virchow, l’Ospedale universitario della Charité dove i ladri hanno toccato il fondo dell’abisso umano. Si sono introdotti tra le mura del nosocomio e hanno portato via disinfettanti, respiratori e persino tute, mascherine e guanti protettivi.

Sono stati svuotati anche i dispenser di disinfettanti presenti nelle aree pubbliche dell’ospedale e al pronto soccorso.

Una portavoce della clinica ha confermato la notizia spiegando che sono state adottate nuove misure per evitare che situazioni simili si ripetano:

“Sono state prese precauzioni interne per evitare che ciò accada di nuovo”.

Adesso, sia i visitatori che i dipendenti verranno controllati all’uscita dall’ospedale.

“Non ricaricheremo più i disinfettanti nelle aree pubbliche” ha fatto sapere il portavoce.

Purtroppo non si tratta dell’unico ospedale in cui sono stati rubati disinfettanti e mascherine. È successo anche presso il Centro medico universitario Schleswig-Holstein di Kiel e di Lubecca. I furti sono segnalati anche dalla Clinica dell’Università di Münster e da quella di Amburgo.

“Non si tratta di una bottiglia o due, ma di una quantità significativa”, ha detto il portavoce della stampa Oliver Grieve a SPIEGEL.

La corsa ai disinfettanti scatenata dalla psicosi legata al contagio è ampiamente sfuggita di mano, a danno della salute dei più piccoli, i bambini malati di tumore. Laddove i bambini e le loro famiglie lottano ogni giorno contro la morte e meritano compassione e sostegno, c’è chi ha avuto addirittura il coraggio di rubare.

Fonti di riferimento: Spiegel, Newsner

LEGGI anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook