Coronavirus, arriva l’intelligenza artificiale per la diagnosi in 20 secondi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Già utilizzato con successo in Cina negli ospedali di Wuhan e con un’attendibilità del 98,5%, anche il Policlinico Campus Bio-Medico è pronto ad acquisire il sistema di intelligenza artificiale per la diagnosi precoce e il monitoraggio di polmoniti da Covid-19. Sarà così il primo ospedale in Europa a fornire una risposta in 20 secondi partendo non da un tampone ma da un algoritmo che analizza la tac del paziente.

Si tratta di un’applicazione basata sull’intelligenza artificiale che darà una risposta immediata sul tipo di polmonite (non soltanto virale da Covid-19 ma anche altre patologie, come polmoniti batteriche o bpco), ed è in grado di calcolare il volume di compromissione polmonare e di dare così una valutazione di prognosi, miglioramento o peggioramento della situazione del paziente.

Servirà, in buona sostanza, anche ad escludere sin da subito situazioni patologiche che nulla hanno a che vedere con il coronavirus e che possono essere curate in maniera mirata e tempestiva.

Questa innovazione attivata all’interno del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico – dicono il Direttore della UOC di Diagnostica per Immagini, Carlo Cosimo Quattrocchi e il Direttore dell’Imaging Center, Bruno Beomonte Zobel – apre prospettive molto significative nella situazione di emergenza attuale, consentendo di processare una mole di dati altrimenti impossibile da analizzare, migliorando l’appropriatezza delle terapie e liberando posti preziosi nelle terapie intensive da pazienti che non ne hanno la necessità. Ma il sistema crea un punto di svolta anche per i prossimi mesi, quando, passata l’emergenza, ci auguriamo che i casi di Covid-19 diventeranno più sporadici e quindi più difficili da identificare”.

Come funzionerà

Gli ospedali di tutto il territorio non dovranno fare altro che fornire in via digitale le immagini TC polmonari dei pazienti e l’equipe dell’Imaging Center e della Diagnostica per Immagini del Policlinico Campus Bio-Medico darà a sua volta il riscontro strutturato del sistema di intelligenza artificiale.

Ciò, ne sono convinti gli esperti, aiuterà ad avere il quadro dell’evoluzione del contagio in maniera sempre più mirata e tempestiva.

Fonte: Policlinico Campus Bio Medico

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook