Stanno crescendo ‘corna’ sul cranio dei giovani. È colpa degli smartphone, sostiene una ricerca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alcuni ricercatori hanno documentato la crescita di speroni ossei, tipo corna, nella parte posteriore del cranio di alcuni giovani adulti. A loro dire, la colpa di questo cambiamento fisiologico sarebbe da imputare all’uso di smartphone e altri dispositivi.

La tecnologia mobile ha trasformato il modo in cui viviamo, leggiamo, lavoriamo, comunichiamo e acquistiamo. Ma questo potrebbe avere ripercussioni anche sulla nostra fisionomia. Secondo una ricerca condotta dall’Università della Sunshine Coast nel Queensland, in Australia, i cellulari stanno rimodellando anche i nostri scheletri!

Lo studio suggerisce che i giovani stanno sviluppando sporgenze corniformi nella parte posteriore dei loro crani. Questi speroni ossei sarebbero causati dall’inclinazione in avanti della testa, che sposta il peso dalla colonna vertebrale ai muscoli nella parte posteriore della testa, causando l’anomala crescita ossea. Il trasferimento di peso che causa l’accumulo può essere paragonato al modo in cui la pelle si addensa in un callo come risposta alla pressione o all’abrasione.

Il risultato è una sorta di uncino o corno che sporge dal cranio, appena sopra il collo.

Responsabile di questa situazione sarebbe la tecnologia moderna, o meglio l’uso massiccio che ne fanno i giovani. I ricercatori sostengono che la crescita ossea indica una postura del corpo mutevole determinata proprio dall’uso di smartphone e altri dispositivi che costringono chi li utilizza a piegare la testa in avanti per guardare lo schermo.

Questa è probabilmente la prima volta che uno studio documenta un adattamento fisiologico dovuto all’uso della tecnologia. Il problema è che questo cambiamento fisiologico, come ha sottolineato il dottor David Shahar, autore principale della ricerca, è segno di una grave deformità nella postura che può causare cefalea cronica e dolore nella parte superiore della schiena e del collo. Insomma il problema non sarebbero tanto “le corna” in sé quanto il fatto che stanno a testimoniare che c’è qualcosa che non va, ossia che testa e collo non tengono la postura corretta.

Il lavoro degli scienziati australiani è iniziato circa tre anni fa quando hanno effettuato una serie raggi X del collo su un campione di 218 persone tra i 18 e i 30 anni. Le immagini hanno catturato parte del cranio, compresa l’area in cui le proiezioni ossee, chiamate entesofiti, si formano nella parte posteriore della testa. Questa situazione, nota come protuberanza occipitale esterna allargata, era molto rara fino a poco tempo fa. Ma ora la situazione è decisamente cambiata.

corna-giovani

corna-giovani2

Per valutare più approfonditamente la questione, nei successivi studi gli scienziati hanno eseguito 1200 raggi X, questa volta su pazienti di età compresa tra i 18 e gli 86 anni. Shahar ha così potuto notare che le protuberanze ossee comparivano in particolare nei soggetti più giovani e negli uomini mentre solo raramente riguardavano le persone anziane. Questa scoperta era in netto contrasto con quanto si credeva prima, ossia che le “corna” fossero dovute ad un processo lento e degenerativo dovuto all’invecchiamento.

Per capire cosa davvero stava creando questa modificazione ossea, gli esperti hanno preso in esame i cambiamenti intercorsi negli ultimi 10 o 20 anni, situazioni e abitudini che potevano aver interferito in qualche modo sulla postura dei giovani.

Il tipo di sforzo richiesto dall’osso per infiltrarsi nel tendine, li ha indirizzati ad indagare sull’uso dei dispositivi portatili che costringono ad inclinare la testa in avanti e verso il basso, richiedendo l’uso di muscoli nella parte posteriore del cranio.

Il professor Shahar è convinto che le scuole dovrebbero insegnare semplici regole posturali e che chi usa la tecnologia durante la giornata dovrebbe abituarsi a ricalibrare la propria postura durante la notte. Suggerisce inoltre di allungare una mano sulla parte inferiore del cranio perché, chi ha “le corna”, potrebbe anche sentirle! 

Leggi anche:

Francesca Biagioli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook