Conte conferma la proroga delle restrizioni fino al 13 aprile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate sono prorogate fino al 13 aprile prossimo. Lo ha appena annunciato in conferenza stampa il Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, che sottolinea come continueranno ad essere in vigore tutti i divieti già noti, comprese le regole previste dalle ordinanze del ministero della Salute sui rientri dall’estero, fino a dopo Pasqua.

Conte firma, dunque, stasera il nuovo decreto legge che estende le misure restrittive fino al 13 aprile. Vorrà dire che l’efficacia delle disposizioni dei DPCM dell’8, del 9, dell’11 e del 22 marzo e di quelle previste dall’ordinanza del ministro della Salute del 20 marzo 2020 e dall’ordinanza del 28 marzo 2020 adottata dal ministro della Salute con il ministro delle infrastrutture e dei trasporti è prorogata fino a Pasquetta.

“Chiediamo un ulteriore sforzo e sacrificio. Se smettessimo di rispettare le regole, tutti gli sforzi sin qui fatti sarebbero vani e pagheremmo un prezzo altissimo, perché saremmo costretti a partire di nuovo.

C’è una sparuta minoranza – continua – che non rispettano le regole e ricorda delle multe anche onerose, perché non ci possiamo permettere che la irresponsabilità di alcuni provochi un danno nei confronti di tutti”.

Ricorda a tal proposito che lo dobbiamo a tutti: al personale medico e ai lavoratori che “mandano avanti il Paese“.

Un pensiero alla prossima Pasqua, che saremo costretti ad “affrontare con questo regime restrittive” ma tutto rivolto a una fase 2, quella di convivenza col virus, che speriamo arrivi presto:

La fase 2 è quella con misure volte all’allentamento per poi passare alla fase 3, della ricostruzione, del rilancio della nostra vita sociale ed economica“.

A preannunciare la proroga al 13 aprile era stato già nelle prime ore di questa mattina il ministro della Salute, Roberto Speranza, che durante l’informativa in Senato sulla situazione dell’emergenza coronavirus, aveva confermato il prolungamento delle misure restrittive adottate dal governo per contenere la diffusione dell’epidemia.

I dati migliorano ma sarebbe un errore cadere in facili ottimismi. L’allarme non è cessato e per questo è importante mantenere fino al 13 aprile tutte le misure di limitazioni economiche e sociali e degli spostamenti individuali”, aveva dichiarato.

Secondo l’ultimo bollettino della Protezione civile, ad oggi, in Italia i casi totali sono 110.574. I guariti sono 16.847 e i deceduti 13.155, mentre calano le vittime e i ricoverati in terapia intensiva Numeri che fanno ben sperare anche se, dice Conte, è presto per abbassare la guardia.

Gli atleti e ora d’aria dei bambini

Atleti: Conte afferma che si “sospendono le sedute di allenamento, che non sono più consentite negli impianti e nelle società

Quanto all’ora di bambini, “non abbiamo autorizzato l’ora del passaggio con i bambini, ma solo specificato che se un genitore deve uscire ad esempio a fare la spesa nell’impossibilità di lasciarlo ad altri, può portare anche il bambino“.

Conte, insomma, ci tiene a precisare che la famosa ora d’aria di cui tanto si è parlato nelle ultime ore non va assolutamente letta come promiscua libertà di far uscire i propri figli come e quando si vuole. Le misure restrittive continuano anche in questo casao.

Dobbiamo assolutamente preservare il regime di restrizione“, conclude.

Fonti di riferimento: Senato, Ministero della salute, Protezione Civile

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook