7 consigli per dormire bene nella #giornatadelsonno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un sano sonnellino ristoratore è quello che ci vuole – sempre – per essere di buonumore e vivere in salute. Parola degli esperti dell’Associazione Mondiale di Medicina del Sonno, che oggi promuovono l’ottava edizione della Giornata Mondiale del Sonno.

Con lo slogan “quando il sonno è salvo, salute e felicità abbondano“, anche quest’anno la giornata mira a ridurre il peso globale dei problemi del sonno sulla società, attraverso interventi di prevenzione e gestione dei disturbi del sonno.

Già, perché il malessere che deriva quando non si dorme bene o si dorme poco, o per niente, ricade innanzitutto sulla propria salute: dal calo dell’attenzione a un black out della memoria a difficoltà di apprendimento. A lungo termine, poi, una scarsa qualità del sonno può essere associata a un maggiore rischio di sviluppare obesità, diabete e pressione alta e non solo: tutto ciò ricade anche sui rapporti interpersonali e di lavoro.

Per chi si sveglia diverse volte durante la notte o non riposa abbastanza è utile innanzitutto regolarizzare il ritmo sonno-veglia, andando a dormire ogni sera e alzandosi ogni mattina alla stessa ora. Ma quali sono, in generale, le buone regole da seguire per dormire bene e guadagnarsi il giusto sonno?

1. Coricatevi la sera e alzatevi al mattino sempre alla stessa ora

2. Evitate di bere alcolici in maniera eccessiva e bevande con caffeina (ma anche il the e molte bevande gassate) almeno nelle 4 ore prima di coricarvi. Lo stesso vale per il cioccolato, che contiene sostanze stimolanti quali la tiramina e la feniletilamina in grado di aumentare il rilascio della noradrenalina

3. A cena non mangiate cibi troppo elaborati che rallentano la digestione. In compenso, ci sono determinati alimenti che prevengono l’insonnia, come il riso o i cibi contenenti triptofano

LEGGI anche: Insonnia: 5 alimenti che la favoriscono e 5 che la prevengono

4. Fate attività fisica regolarmente, soprattutto nel pomeriggio, ma non prima di coricarvi

5. Mantenete una temperatura confortevole in camera, tenendo ventilata la stanza, evitate rumori e luci quanto più è possibile e usate un letto confortevole

6. banditi dalla camera sveglie elettriche, telefonini o pc

7. Se avete l’abitudine di riposare nel pomeriggio, trenta minuti di riposo bastano per rimediare agli effetti negativi della mancanza di sonno sul sistema immunitario e su quello neuroendocrino.

Germana Carillo

LEGGI anche:

10 semplici regole per riposarsi tanto anche dormendo poco

10 cose da fare prima di andare a dormire per riposare meglio

Insonnia: 10 ricette e rimedi che aiutano a dormire

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook