Il Congo ha sconfitto l’ebola! Annunciata ufficialmente la fine dell’epidemia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ finita. Anche l’11esima epidemia di Ebola è stata sconfitta in Congo. A darne notizia è stato il Ministro della salute Eteni Longondo che ha annunciato la fine dell’epidemia di Ebola, quasi sei mesi dopo la segnalazione dei primi casi e in mezzo all’aumento del COVID-19 nella nazione dell’Africa centrale.

E’ la prima volta che il Congo è libero dall’Ebola in circa due anni e mezzo. Il ministro della salute del Congo, il dottor Eteni Longondo, insieme all’Organizzazione mondiale della sanità ha tenuto una conferenza stampa diffusa via social, spiegando che da 48 giorni non si registrano nuovi casi.

Da quando è iniziata, l’epidemia ha fatto registrare oltre 55 decessi, 119 casi confermati e 75 persone guarite fino al 1° giugno, secondo l’OMS e il ministero della salute del Congo. L’epidemia nel Congo occidentale è arrivata poco prima che nella parte orientale del paese arrivasse la fine ufficiale, il 25 giugno, del secondo focolaio di Ebola più mortale della storia, che ha ucciso 2.280 persone in quasi due anni. I due ceppi non erano correlati, hanno detto i funzionari.

“Questa undicesima epidemia di virus Ebola ha avuto la particolarità di diffondersi molto di più nelle zone sanitarie fluviali e lacustri”, ha detto durante la conferenza stampa il ministro della Salute. “Ciò ha costituito una grande sfida logistica in termini di implementazione delle attività di risposta in un sistema sanitario già indebolito da precedenti epidemie e da un debole coinvolgimento della comunità”.

Le autorità sanitarie, tuttavia, sono state in grado di vaccinare più di 40.000 persone.  Longondo ha invitato la popolazione a rimanere vigile e continuare a osservare le misure igieniche

“per evitare la recrudescenza dell’Ebola ma anche per prevenire la diffusione del coronavirus che imperversa nel Paese”.

L’OMS ha elogiato la risposta a questo focolaio sostenendo che il superamento di uno degli agenti patogeni più pericolosi del mondo in comunità remote e di difficile accesso

“dimostra cosa è possibile quando scienza e solidarietà si uniscono”, ha detto Matshidiso Moeti, capo dell’OMS per l’Africa. “Affrontare l’Ebola parallelamente al COVID-19 non è stato facile, ma gran parte dell’esperienza che abbiamo costruito in una malattia è trasferibile a un’altra e sottolinea l’importanza di investire nella preparazione alle emergenze e nello sviluppo delle capacità locali”.

La Croce Rossa: “Non abbassare la guardia”

Si tratta di un traguardo che fa ben sperare ma secondo la Croce Rossa bisogna continuare a prestare attenzione anche alle numerose sfide umanitarie che il paese sta affrontando, inclusa l’emergenza COVID-19 in corso insieme a problemi economici e di sicurezza.

Jacques Katshishi, segretario generale della Croce Rossa del Congo, ha spiegato che il Paese deve continuare a ricevere sostegno dalla comunità internazionale:

“Portare l’Ebola a zero è un risultato enorme, ma ora ci troviamo di fronte alla nostra prossima sfida: mantenerlo tale. I nostri team all’interno della Croce Rossa della RDC stanno affrontando il COVID-19 all’interno di un complesso ambiente umanitario e di sicurezza. Non è il momento di essere compiacenti: il mondo non può permettersi una recrudescenza dell’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo.”

Fonti di riferimento: AP, Twitter/OMS

LEGGI anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook