@Milkos/123rf

Sei stressato? I ricercatori ti svelano un inaspettato trucco per abbassare i livelli di cortisolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il cortisolo, ormone dello stress, è causa di varie patologie, ma imparare a meditare può aiutarci a ridurre lo stress a lungo termine

E’ ormai noto che la meditazione possa aiutare ad alleviare lo stress quotidiano, e c’è un nuovo studio che fornisce prove oggettive in grado di supportare tali affermazioni. I ricercatori hanno scoperto, infatti, che i livelli di cortisolo sono diminuiti del 25% dopo un programma di allenamento alla meditazione di circa sei mesi. (Leggi anche: Meditazione: cosa succede al corpo e alla mente praticandola 10 minuti al giorno)

Lo studio

L’allenamento mentale che promuove abilità come consapevolezza, gratitudine o compassione riduce la concentrazione dell’ormone dello stress, ossia il cortisolo, che si accumula anche nei capelli. È quanto hanno scoperto gli scienziati del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences di Lipsia e il Social Neuroscience Research Group della Max Planck Society di Berlino.

La quantità di cortisolo nei capelli fornisce informazioni su quanto una persona sia gravata da uno stress persistente.

Secondo lo studio il 23 % delle persone in Germania soffre di stress. Questa condizione non solo mette a dura prova il benessere generale della persona, ma è anche collegata a una serie di malattie fisiologiche, tra cui diabete, malattie cardiovascolari e disturbi psicologici come la depressione, una delle principali cause di carico di malattie al mondo.

Pertanto, si cercano metodi efficaci per ridurre lo stress quotidiano a lungo termine e un’opzione promettente è proprio l’allenamento alla consapevolezza. In cosa consiste? I partecipanti allenano le loro abilità cognitive e sociali, tra cui attenzione, gratitudine e compassione, attraverso vari esercizi di meditazione e comportamentali. 

Finora non era chiaro quanto questa tecnica contribuisse effettivamente a ridurre il carico dovuto allo stress quotidiano. Ciò che è certo, è che la concentrazione di cortisolo nei capelli è considerata una misura adeguata per valutare quanto si è stressati. Il cortisolo è un ormone che viene rilasciato, ad esempio, quando ci troviamo di fronte a una sfida impegnativa, che ci mette a dura prova. In queste particolari situazioni, aiuta a mettere in allerta il nostro corpo e a mobilitare le energie per superare tale sfida. Più a lungo dura lo stress, più a lungo una maggiore concentrazione di cortisolo circola nel nostro corpo e più si accumula nei nostri capelli.

In media, i capelli crescono di un centimetro al mese. Per misurare i livelli di stress dei partecipanti allo studio durante i 9 mesi di formazione, i ricercatori, in collaborazione con il gruppo di lavoro di Clemens Kirschbaum dell’Università di Dresda, hanno analizzato ogni tre mesi la quantità di cortisolo nei primi tre centimetri di capelli, partendo al cuoio capelluto. L’attenzione si è concentrata sui fattori di attenzione e consapevolezza, sulle abilità socio-affettive come compassione e gratitudine, e sulle cosiddette abilità socio-cognitive, in particolare la capacità di assumere una prospettiva sui propri pensieri e su quelli degli altri.

Tre gruppi di circa 80 partecipanti ciascuno hanno completato i moduli di formazione in ordine diverso. La formazione è durata fino a nove mesi, 30 minuti al giorno, sei giorni alla settimana.

I risultati

Dopo sei mesi di allenamento, la quantità di cortisolo nei capelli dei soggetti era diminuita in modo significativo, in media del 25%. Nei primi tre mesi si sono visti inizialmente lievi effetti, che sono aumentati nei tre mesi successivi. Nell’ultimo terzo, la concentrazione è rimasta a un livello basso.

I ricercatori, quindi, presumono che imparare a meditare potrebbe portare a un effettiva riduzione dello stress. Quindi, si può concludere affermando che, allenarsi alla meditazione potrebbe migliorare la gestione di situazioni sociali particolarmente stressanti e alleviare i livelli di stress generale anche in individui sani.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Psychosomatic Medicine

Ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook