@olegpmr/123rf.com

Come evitare vesciche e irritazioni da sfregamento delle cosce quando cammini con il caldo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo sfregamento delle cosce e le vesciche sui piedi sono fastidiosi e possono creare dolore, bruciore e disagio. Ecco alcuni rimedi efficaci.

In estate, non c’è niente come una bella e lunga passeggiata o un’escursione in montagna, per ricaricare le energie e fare il pieno di vitamina D.

Ma se inizi ad avvertire un fastidioso bruciore sulle gambe, a causa dello sfregamento delle cosce, e dolore ai piedi a causa delle vesciche, la rilassante passeggiata può trasformarsi in un incubo. (Leggi anche: Pelle arrossata o screpolata intorno al naso: cause, trattamento e rimedi naturali)

Sfregamento delle cosce: un problema comune

Lo sfregamento delle cosce è un problema abbastanza comune, che può colpire persone di tutte le taglie; infatti, non è una problematica esclusiva di chi è in sovrappeso o ha una corporatura robusta.

E’ qualcosa di fastidioso sì, che ha più a che fare con la forma del corpo, ossia con la forma dei fianchi e dei muscoli, ma dipende anche da come ci muoviamo, dalla postura e da come camminiamo, piuttosto che da quanto possiamo essere robusti o minuti.

Oltre al fastidio e alla pelle irritata, che può bruciare e durare anche alcuni giorni, lo sfregamento ha anche un elemento emotivo in quanto può andare a toccare l’autostima della persona, che può sentirsi in imbarazzo e a disagio.

Cause comuni

Lo sfregamento e le vesciche sono più comuni durante la stagione calda, quando si è portati a sudare. Lo sfregamento, inoltre, è più comune tra le persone affette da patologie come il diabete e l’idrosadenite suppurativa.

Contrariamente alla credenza popolare, questa condizione non è solo specifica alle cosce, perché molte persone possono riportare piccole vesciche tra le dita dei piedi, sotto il seno e intorno all’inguine.

Inoltre, lo sfregamento delle cosce può causare anche altre condizioni gravi come cellulite, intertrigine o piede d’atleta, perciò vale la pena sapere come trattarla. (Leggi anche: Micosi: cause, tipologie e tutte le cure naturali davvero efficaci)

Sfregamento delle cosce e vesciche: rimedi 

Per camminare senza avvertire fastidio e dolore, puoi utilizzare diversi prodotti reperibili in farmacia, nei negozi di cosmetici naturali oppure online.

Di seguito i nostri rimedi anti-sfregamento e anti-vesciche.

Pantaloncini da ciclista in cotone organico

Uno dei primi rimedi anti-sfregamento è indossare dei pantaloncini da ciclismo meglio se in cotone organico e traspirante. Se il problema è sotto il seno, ti consigliamo un reggiseno sportivo della misura adeguata e in grado di dare un buon sostegno. Meglio sceglierlo in tessuto tecnico traspirante, in modo da permettere all’umidità di evaporare.

Docce fredde 

Un’altra soluzione contro lo sfregamento è la doccia fredda per alleviare il bruciore; dopo di che, applicare una crema riparatrice su tutta la zona interessata in modo da lenire la pelle stressata.

Crema idratante ed emolliente

Un’altra soluzione è scegliere una buona crema idratante ed emolliente con ingredienti naturali e di origine biologica, che possa creare una sorta di barriera sulla pelle.

Talco o amido di riso

Tra i prodotti anti-sfregamento e contro le vesciche, un ottimo rimedio è il talco biologico naturale, oppure l’amido di riso bio che solitamente si utilizza nel cambio del pannolino dei neonati.

Scarpe e calzini adeguate

Per il problema delle vesciche ai piedi, ti consigliamo di optare per calzature adatte alla camminata, alla corsa oppure al trekking, da scegliere in base alla tua attività preferita. E’ importante che le calzature siano flessibili, leggere, in grado di attutire il contatto tra i piedi e il suolo, e soprattutto che siano in tessuto traspirante.

Anche i calzini fanno la differenza e se dovete camminare a lungo, vi consigliamo di optare per quelli specifici per il trekking con cuciture studiate appositamente per prevenire le vesciche.

Seguici su TelegramInstagram  |Facebook |TikTok |Youtube

Ti potrebbe interessare:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook