Freddo e umidità aumentano davvero i dolori alle articolazioni: la conferma in uno studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Molte persone accusano dolori alle articolazioni quando il tempo è freddo e umido ma se è a livello popolare è cosa risaputa, poche ricerche lo hanno dimostrato scientificamente.

Per sopperire a questa lacuna, i ricercatori dell’Università di Manchester hanno esaminato oltre 13.000 persone del Regno Unito registrandone i sintomi di dolore ogni giorno grazie a un’app per smartphone appositamente sviluppata. I loro telefoni nel frattempo registravano le condizioni meteorologiche.

2.658 persone tra quelle esaminate, con vari problemi di salute tra cui l’artrite, hanno fornito dati giornalieri per circa 6 mesi e questo ha permesso ai ricercatori di scoprire che i giorni umidi aumentano le probabilità di provare dolore del 20%, e il dolore aumenta anche nei giorni con bassa pressione e maggiore velocità del vento. La pioggia invece non è risultata associata al problema.

Quindi secondo questa ricerca, intitolata “Cloudy with a Chance of Pain“, sarebbe la combinazione di giorni freddi e umidi a peggiorare le cose anche se l’umidità relativa elevata è il fattore più importante.

L’autore dello studio, Will Dixon, professore di Epidemiologia digitale, ha dichiarato in merito alla ricerca:

“Ciò significherebbe che, se le possibilità di una giornata dolorosa in una giornata meteorologica media fossero 5 su 100, aumenterebbero a 6 su 100 in una giornata umida e ventosa”.

Aver dimostrato che una correlazione fra le due cose esiste, potrebbe aiutare chi ne soffre a pianificare meglio le proprie attività, evitando per esempio compiti più complessi nei giorni più freddi e umidi, come dichiarato da Dixon:

“Dato che possiamo prevedere il tempo, potrebbe essere possibile sviluppare una previsione del dolore conoscendo la relazione tra tempo e dolore. Ciò consentirebbe alle persone che soffrono di dolore cronico di pianificare le proprie attività, completando compiti più difficili nei giorni previsti per avere livelli più bassi di dolore. Il set di dati fornirà anche informazioni agli scienziati interessati a comprendere i meccanismi del dolore, che alla fine potrebbero aprire la porta a nuovi trattamenti.”

Insomma, se accusavate il maltempo dei vostri dolori, ora anche la scienza approva!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook