@123rf/prostorina

Chi legge per piacere (e non solo per dovere) sviluppa migliori abilità cognitive e linguistiche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Abbiamo parlato molte volte degli innumerevoli benefici della lettura, ma ora uno studio pubblicato su Reading and Writing, condotto dai ricercatori della Concordia University, guidati dalla professoressa Sandra Martin-Chang, ha evidenziato sostanziali differenze tra chi legge per piacere, concedendosi spesso letture nel tempo libero, e chi solo per dovere.

Difatti se il piacere della lettura migliora notevolmente le abilità cognitive e linguistiche, altrettanto non si può dire delle letture eseguite esclusivamente per dovere. A fare la differenza, in termini di benefici, sarebbe quindi l’atteggiamento con cui si affronta la lettura. 

Difatti gli studenti universitari coinvolti nella ricerca, circa 200, che hanno riferito di leggere prevalentemente per dovere, avevano in media abilità verbali più deboli degli altri. Inoltre maggiori benefici cognitivi sono risultati associati al piacere di leggere narrativa più che saggistica.

Non solo. Chi si concede spesso letture per svago, stando ai risultati dello studio, sviluppa maggiore empatia, risulta più comprensivo e meno prevenuto. 

Le letture “per dovere” non vanno ovviamente eliminate perché rimangono pur sempre fondamentali, ma l’ideale sarebbe alternarle con letture scelte per puro svago e piacere. 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

FONTE: Reading and Writing 

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018. Appassionata di viaggi, folklore, maschere tradizionali. Si occupa anche di tematiche ambientali, riciclo creativo e fai da te. Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo". Nel 2018 ha dato vita a Mirabilinto, labirinto di meraviglie illustrate.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook