@Wish

Cerotti detox: cos’è e come funziona il trattamento giapponese per depurare il corpo a partire dai piedi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I cerotti detox da applicare di notte sotto i piedi sono un rimedio naturale alternativo molto noto in Oriente ma che da tempo spopola un po’ in tutto il mondo (Italia compresa). Ma funzionano davvero? Quali i benefici e i possibili effetti collaterali?

Quando parliamo di cerotti detox ci riferiamo a grandi cerotti che si applicano sulla pianta dei piedi prima di andare a dormire con l’obiettivo di favorire la disintossicazione dell’organismo che, attraverso la loro azione, può riuscire ad espellere meglio non solo tossine ma anche metalli pesanti. Vanno tenuti per tutta la notte per poi toglierli al mattino, dando dunque sufficiente tempo a questo rimedio per agire.

Come funzionano e i benefici

I cerotti detox, che possono contenere al loro interno diversi principi attivi, funzionano come degli impacchi disintossicanti che vanno a stimolare il sistema linfatico nel corso della notte. La loro azione è utile a purificare l’organismo ottenendo una serie di benefici su pelle, sonno, stress, riduzione del dolore e altro. 

I produttori sono convinti che i cerotti detox per i piedi, proprio grazie alle loro potenzialità disintossicanti, possano essere utili a fronteggiare diversi disturbi:

  • mal di testa
  • depressione
  • parassiti
  • affaticamento
  • insonnia
  • artrite
  • pressione
  • cellulite

In Giappone in particolare sembra che questi cerotti siano particolarmente utilizzati e consigliati, soprattutto dai monaci che li ritengono utili per chi ha un sovraccarico di tossine che porta alla comparsa di determinati sintomi. Si ritiene infatti che i piedi siano un punto cruciale in quanto pieni di terminazioni nervose oltre che la nostra connessione più diretta con la terra.

Secondo l’antica conoscenza medica giapponese, il corpo umano ha oltre 360 ​​punti di agopuntura e più di 60 si trovano proprio sulla pianta del piede e riflettono altre parti del corpo. Leggi anche: Riflessologia plantare: come funziona, benefici, mappa del piede e punti da massaggiare   

La testimonianza di un uomo americano che li ha utilizzati sotto la supervisione di esperti in Giappone è stupefacente. I cerotti dopo la prima notte erano nerissimi ma, piano piano, lo diventavano sempre meno e con la scomparsa delle macchie sui cerotti si alleviavano gradualmente anche tutta una serie di sintomi che lo facevano soffrire.

Ma questa ovviamente è solo una testimonianza che non può essere indicativa del fatto che questi cerotti funzionino o meno in generale.

I cerotti detox per i piedi funzionano davvero?

In realtà non c’è nulla di scientifico per poter affermare che i cerotti detox per i piedi funzionano davvero e quindi siano in grado di rimuovere le tossine dal corpo.

Negli Stati Uniti la Federal Trade Commission (FTC) ha vietato al marchio di cerotti Kinoki di vendere diversi prodotti pubblicizzati con annunci che riportavano false prove scientifiche del loro funzionamento.

Kinoki affermava che i loro cerotti per i piedi rimuovevano sostanze nocive dal corpo, tra cui: tossine, rifiuti metabolici, metalli pesanti, sostanze chimiche ma la FTC non ha trovato prove a sostegno di tali affermazioni.

Sembra però che questi cerotti possano comunque contribuire ad una migliore qualità del sonno e a ridurre il dolore, grazie ad alcuni alcuni ingredienti in essi contenuti.

Alcune aziende vendono ad esempio cuscinetti per i piedi detox che contengono zenzero, sostanza utile ad alleviare i sintomi dell’osteoartrite, poiché ha proprietà antinfiammatorie. Un piccolo studio 2014 ha scoperto che effettivamente l’applicazione topica di zenzero può rilassare e riscaldare la pelle con un buon effetto sul dolore dell’osteoartrite cronica.

Alcuni cerotti contengono invece olio essenziale di lavanda. Uno studio del 2015 ha scoperto che, chi soffre di problemi con il sonno, può ottenere benefici dall’utilizzo di cerotti a base di lavanda in grado di migliorare la qualità del riposo.

La tormalina è un altro ingrediente che alcune aziende usano nei cerotti per piedi detox. Questo minerale può emettere radiazioni infrarosse lontane (FIR) quando è sotto forma di polvere fine. Ci sono prove che la polvere di tormalina può ridurre il dolore a chi soffre di artrite reumatoide e mestruazioni dolorose.  

Effetti collaterali

Alcuni cerotti detox contengono aceto di legno o di bambù. Il principio attivo dell’aceto di legno è l’acido pirolegnoso che, quando viene a contatto con la pelle, può causare irritazioni e ustioni mentre i vapori possono portare vertigini.

C’è il rischio poi, per le persone predisposte, di avere una reazione allergica in risposta all’utilizzo di questi cerotti.  

Dove si acquistano

I cerotti detox si trovano in vendita nelle erboristerie ben fornite ma soprattutto online.

In ogni caso, cercare un rimedio che ci disintossichi dall’esterno non è certo sufficiente per depurarci. Occorre in primis bere molta acqua, mangiare bene e in generale avere uno stile di vita sano.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Medical News Today

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook