La depilazione intima totale è inutile e rischiosa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ceretta intima integrale? Non la fate! Il pelo pubico ha più importanza di quanto pensiate. Oltre a provocare un dolore pazzesco, tirare via del tutto i peli proprio in quel posto lì e votarsi, dunque, alla cosiddetta ceretta alla brasiliana, significa spazzare via una misura igienica importante e scatenare lieviti e funghi.

Togliervi completamente i peli intorno a sua maestà la vagina, insomma, così come ci hanno insegnato in Sex and the City le donne newyorkesi di fine anni ’90, scatenerà forse di più le fantasie sessuali di quel mezzo torero di vostro marito, ma non ha alcunché di igienico né di salutare.

LEGGI anche: DEPILAZIONE INTIMA TOTALE: PUO’ CAUSARE INFEZIONI ANCHE GRAVI

A confermarlo è uno studio apparso su JAMA Dermatology, in cui il 62% delle 3372 donne intervistate da Tami S. Rowen, ginecologa dell’Università di San Francisco, ha ammesso di aver provato la depilazione totale almeno una volta.

Ma chi la pratica questa ceretta alla brasiliana? Ebbene, il pelo delle parti intime lo scacciano via per lo più le donne giovani e con un alto grado di istruzione, single e più attive sessualmente. Ma, al contrario di quanto pensiate voi maliziosetti, la depilazione totale non viene scelta per darsi a particolari abitudini a letto, ma piuttosto perché semplicemente si crede di rimanere più “pulite”.

Molte pensano che sia più igienico eliminare tutti i peli e lo fanno non soltanto in vista di occasioni specifiche come una vacanza al mare, ma anche prima di andare dal ginecologo – spiega Rowen -. Qualsiasi situazione che porti la donna a esporre l’area genitale, quindi, favorisce il ricorso al rasoio: anche se si trovano in una situazione per così dire asettica, le donne sono molto consapevoli dell’aspetto della propria area genitale e associano l’assenza di peli a pulizia e ordine”.

Ma questa è una verità che lascia il tempo che trova: signore mie, perché il nostro intimo sia pulito, fresco e lontano da qualsivoglia grattacapo, dobbiamo tenerci il pelo pubico o, insomma, quanto meno incerettarci il minimo indispensabile e lasciare alla vagina i peli che si merita. Che lo vogliate o no, i peli dell’area genitale fungono da protezione per la pelle sensibile di quella zona, mantengono la necessaria umidità, impediscono a lieviti e funghi di prendere piede e difendono dai germi esterni perché li “intrappolano” impedendo che entrino in vagina.

LEGGI anche: PRURITO INTIMO: CAUSE E RIMEDI NATURALI

In più, oltre al calore della ceretta e allo strappo che un bel po’ di traumi comporta a nostra sorella vagina, anche il rasoio potrebbe portarci dritte dritte al pronto soccorso. Lo certifica uno studio pubblicato su Urology, secondo cui dal 2002 al 2010 il numero di “incidenti” correlati alla depilazione intima è molto aumentato e oggi circa il 3% delle corse in pronto soccorso per traumi genitourinari deriva proprio dalla pratica di depilazione totale: i rasoi, in effetti, possono provocare follicoliti, ascessi e piccole dolorose lacerazioni o anche reazioni allergiche alle sostanze irritanti contenute nelle cerette o nelle creme depilatorie o per rasoi.

Ceretta intime integrale allora? No grazie. Se Dio ci ha fatto con un mucchio di peli proprio lì ci sarà un motivo. Non siamo delle Barbie, noi i peli sul pube ce li abbiamo e, una volta tolti quelli imbarazzanti che fanno ciao ciao dal bikini, teniamoci tutto il resto!

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook