Cannabis: sì all’uso terapeutico nelle Marche

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cannabis a scopo terapeutico. Similmente a quanto già avvenuto in Toscana nell’aprile dello scorso anno, la regione Marche ha deciso di approvare e facilitare l’impiego medico di farmaci cannabinoidi. Le decisioni riguardanti al ricorso per la cura dei pazienti attraverso tali farmaci saranno responsabilità dei medici di base.

Il ricorso ai farmaci cannabinoidi per la cura dei pazienti dovrà essere giustificato dalla presenza di particolari e gravi patologie, per le quali tali farmaci possano essere considerati adatti. Sono state indicate alcune condizioni da rispettare per quanto riguarda i trattamenti terapeutici a base di farmaci cannabinoidi.

I trattamenti dovranno avere luogo all’interno delle strutture ospedaliere. Verrà posta particolare attenzione alla fase iniziale del trattamento. In seguito si determinerà se la cura farmacologica a base di cannabinoidi potrà essere proseguita. Ciò sarà deciso sulla base di esigenze di continuità terapeutica.

La somministrazione e l’assunzione dei farmaci dovrà avvenire obbligatoriamente in ambito ospedaliero e gli stessi medicinali da assumere dovranno essere acquistati presso la farmacia ospedaliera. Ecco dunque i punti fondamentali della proprieta di legge approvata da parte del consiglio regionale delle Marche.

La legge relativa ai farmaci cannabinoidi approvata nella regione Marche si pone come obiettivo di estendere la reperibilità degli stessi alle strutture mediche private accreditate e agli enti del servizio sanitario regionale. Inoltre, un ulteriore obiettivo della legge riguarda il controllo del consumo di farmaci cannabinoidi registrati all’estero.

L’Asur (Azienda sanitaria unica regionale) avrà il compito di seguire i pazienti nell’acquisizione di farmaci registrati all’estero, da assumere per finalità terapeutiche. In Italia l’uso di cannabinoidi è già disciplinato da parte di una legge in vigore a livello nazionale, ma grazie alla legge regionale, le Marche sperano di snellire e velocizzare le liste dei pazienti in attesa di cure.

Marta Albè

LEGGI anche:

Cannabis: in Toscana il via libera a scopo terapeutico

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook