Cannabis terapeutica: sì alla produzione in Italia. No all’autocoltivazione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sì alla produzione di cannabis terapeutica in Italia. Ma un secco No all’autocoltivazione. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in occasione della presentazione del protocollo per l’avvio della produzione di cannabis a fini terapeutici nel nostro Paese. Un’apertura che molti attendevano da anni.

Il Governo ha detto sì alla marijuana di Stato. Sarà l’esercito a produrla. La coltivazione della cannabis e la produzione del principio attivo sono state inserite nell’ambito del Ministero della Difesa. Il principio attivo sarà distribuito nelle farmacie e sarà tracciabile dalla produzione fino alla distribuzione al paziente.

La stessa cosa avviene già per le sostanze derivate dagli oppiacei. Al via dunque il progetto pilota per la coltivazione e la produzione della cannabis terapeutica. Verrà prodotta presso lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. Una volta ottenute le autorizzazioni necessarie, la produzione avrà inizio.

LEGGI anche: Marijuana: via libera alla coltivazione “di Stato”. La produrrà l’esercito

I primi prodotti a base di cannabis terapeutica verranno venduti in Italia entro il 2015. Sarà possibile acquistare i prodotti a base di cannabis nelle farmacie locali e ospedaliere con la presentazione obbligatoria della ricetta medica. Le Regioni dovranno definire un protocollo di distribuzione per il nuovo prodotto.

Per l’Italia la produzione nazionale di cannabis avrà anche un vantaggio economico. Infatti al momento si spendono 15 euro per ogni grammo di cannabis importato dall’estero. Grazie all’autoproduzione della cannabis, l’Italia abbatterà i costi e risparmierà fino a 400-500 euro per paziente al mese.

“A Firenze abbiano una eccellenza che è quella dello stabilimento chimico militare”ha spiegato il Ministro, aggiungendo che da questa esperienza potranno nascere nuovi progetti: “questo della produzione di sostanze a base di cannabis per uso farmacologico deve essere solo l’inizio”.

La spesa mensile per paziente ora è infatti di 900 euro e l’obiettivo è di dimezzarla. Nello stesso stablimento, per decisione del ministro della Salute, si produrranno anche farmaci destinati alle malattie rare. I militari avranno il compito di produrre il THC, mentre i medicinali a base del principio attivo verranno messi a punto nelle farmacie. Al momento in Italia è disponibile un solo farmaco a base di cannabis, destinato al trattamento dei pazienti affetti da sclerosi multipla.

Marta Albè

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook