Cannabis terapeutica, via libera della Camera. Ecco cosa prevede il ddl

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cannabis ad uso terapeutico: approvato alla Camera il ddl con 317 voti favorevoli, 40 contrari e 13 astenuti. Il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni concernenti la coltivazione e la somministrazione della cannabis a uso medico” passerà ora al Senato.

La coltivazione e la somministrazione della cannabis a uso medico hanno sempre sollevato grandi discussioni: è per questo che, anche in Parlamento, ha raccolto parecchi dissensi.

La legge fissa i criteri uniformi per l’utilizzo e la coltivazione della cannabis terapeutica sul territorio nazionale. Garantisce a tutti i pazienti le stesse condizioni di accesso, promuove la ricerca scientifica sui possibili impieghi medici e sostiene lo sviluppo di tecniche di produzione e trasformazione per semplificare l’assunzione terapeutica della cannabis.

Cosa prevede la legge sull’uso terapeutico della cannabis

  • Il medico avrà la possibilità di prescrivere medicinali di origine vegetale a base di cannabis per la terapia del dolore e altri impieghi. La ricetta medica, non ripetibile, dovrà riportare dose, posologia e modalità di assunzione e la durata del singolo trattamento, che non può superare i tre mesi.
  • I farmaci a base di cannabis prescritti dal medico per la terapia del dolore e altri impieghi autorizzati dal ministero della Salute saranno a carico del Servizio sanitario nazionale. Se prescritti per altri impieghi restano al di fuori del regime di rimborsabilità (in ogni caso vale l’aliquota Iva ridotta al 5%).
  • La coltivazione della cannabis e la sua preparazione e distribuzione nelle farmacie spettano allo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. Se necessario può essere autorizzata ad altri enti l’importazione e la coltivazione. Sono stanziate risorse per un milione e 700mila euro.
  • Alle regioni e alle province autonome spetta monitorare le prescrizioni, fornendo ogni anno all’Istituto superiore di sanità i dati aggregati per patologia, età e sesso dei pazienti sotto terapia di cannabis, e comunicare all’Organismo statale per la cannabis il fabbisogno necessario per l’anno successivo.
  • Infine, delle norme specifiche della legge prevedono campagne di informazione, aggiornamento periodico dei medici e del personale sanitario impegnato nella terapia del dolore e promozione della ricerca sull’uso appropriato dei medicinali a base di cannabis

Sulla cannabis terapeutica puoi leggere anche:

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook