La cannabis legale arriva nei supermercati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La cannabis arriva alla Lidl svizzera, la nota azienda ha deciso che tra i suoi scaffali può essere venduta un tipo di cannabis che contiene solo piccole quantità di sostanze psicoattive e si può acquistare liberamente.

In Svizzera la cannabis può essere venduta ufficialmente se il contenuto di THC è inferiore all’1% e adesso sarà acquistabile anche alla Lidl che in un comunicato stampa fa sapere che:

“Le piante sono coltivate in serre semi-automatizzate e strutture interne appositamente progettate”, dice. Il produttore fa affidamento sull’agricoltura sostenibile e si astiene interamente dall’aggiunta di sostanze chimiche, sintetiche o geneticamente modificate”.

I fiori di canapa sono disponibili dallo scorso 19 aprile, tre grammi costano circa 20 franchi svizzeri ossia poco meno di 17 euro, mentre per un grammo e mezzo di canapa prodotta da coltivazioni indoor il costo è di 15 euro più o meno.

Quello della cannabis è un tema molto dibattuto in tutto il mondo. Negli Stati Uniti ad esempio, sono tanti i paesi che hanno già liberalizzato la marijuana a scopo non terapeutico, un settore che potrebbe raggiungere un fatturato di 25 miliardi di dollari entro il 2025. A stabilirlo è il rapporto di New Frontier Data che separa l’utilizzo ricreativo da quello medico.

Ad oggi, il fatturato sfiora gli 8 miliardi, ma con la legalizzazione, la crescita media annua arriverà al 14,7% con un’espansione per il mercato della cannabis ricreativa contro l’11,8% di quella a scopo terapeutico. Quali sono gli stati che permettono l’uso della cannabis ricreativa in maniera del tutto legale?

Alaska, Colorado, Washington, California, Maine, Nevada, Oregon, Vermont, Massachusetts e District of Columbia.

Avevamo già parlato della cosiddetta cannabis light, la marijuana leggera legalmente in vendita in quanto senza (o con dosi bassissime) di THC. L’idea era nata in Svizzera ma ha fatto il giro del mondo, arrivando anche in Italia, a Prato ad esempio c’è un canapaio dove si vende questo tipo di erba, ma ormai la troviamo in moltissimi prodotti, come ad esempio nella pizza.

Alcuni la definiscono “la marijuana che non sballa”, ciò è dovuto al fatto che si tratta di un prodotto più leggero in quanto privo di THC, il noto tetraidrocannabinolo dagli effetti psicotropi.In Italia la cannabis light viene commercializzata da EasyJoint, in diverse varianti: Originale, Seedless Nova, Seedless Roots, Blend 3 Effe, BioFutura, Seedless Combo e Seedless CBD 5.8.

La cannabis light si può attualmente acquistare in Italia online oppure rivolgendosi ai rivenditori autorizzati che si trovano in tutte le regioni (attualmente sono circa 300 ma la lista è in costante aggiornamento).

Per trovare l’elenco dei negozi autorizzati in Italia Clicca qui

Potrebbero interessarvi:

Dominella Trunfio

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook