Cannabis terapeutica: più farmaci per tutti con questo accordo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ stato appena siglato un grande e importante accordo per la produzione su larga scala di prodotto a base di cannabis terapeutica

Anche le aziende farmaceutiche iniziano a investire sulla cannabis terapeutica. Sandoz, filiale di Novartis, ha infatti mosso i suoi primi passi nel mercato emergente dei prodotti a base di cannabis medicale, siglando un accordo di fornitura globale con il produttore canadese Tilray.

Non è un caso che Tilray sia stata la prima società di cannabis a ottenere una quotazione pubblica in borsa: gran parte dei guadagni sono giunti proprio sulla scia della legalizzazione canadese della vendita di oli essiccati di fiori o di cannabis attraverso negozi autorizzati dal governo o produttori autorizzati.

Le due aziende, quindi, collaboreranno per rendere disponibili nuovi articoli a livello mondiale.

Questo accordo rappresenta un’importante pietra miliare per fornire accesso a cannabis medica certificata sicura a pazienti bisognosi in tutto il mondo”, afferma Brendan Kennedy, CEO di Tilray, sottolineando che ora ci sono 35 paesi nel mondo che hanno cannabis medica legalizzata e in due o tre anni si potrebbe arrivare a 60 o 70.

Secondo i termini dell’accordo quadro, Sandoz sosterrà la vendita dei prodotti di cannabis medica “non fumabile e non combustibile” di Tilray, e le due società potrebbero commercializzare congiuntamente alcune linee di prodotti e sviluppare “nuovi innovativi prodotti a base di cannabis medica”.

In Italia la cannabis ad uso medicale ha ormai preso sempre più piede nelle diverse regioni e l’anno scorso il parlamento ha dato il suo parere favorevole al decreto legge che fissa i criteri per l’utilizzo e la coltivazione della cannabis terapeutica su tutto il territorio nazionale.

Leggi anche

Germana Carillo

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook