La cannabis antibiotico naturale contro i batteri resistenti. Lo studio sul cdb oil

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio ha scoperto che il cannabidiolo è attivo contro batteri Gram-positivi resistenti ad altri antibiotici. La nuova ricerca apre le porte a nuovi possibili usi terapeutici del CBD, molecola già studiata per trattare ansia e infiammazione e utilizzata in alcune forme di epilessia.

L’azione antibiotica del Cannabidiolo

Una nuova ricerca ha scoperto che il CBD oil è attivo contro i batteri Gram-positivi, tra cui lo Staphyloccocus aureus e lo Streptococcus pneumoniae, responsabili di molte infezioni anche gravi.

Nello studio, il cannabidiolo sembra aver dimostrato una potenza simile a quella di antibiotici di uso consolidato come la vancomicina o la daptomicina.

Il lavoro è stato guidato dal Dott. Mark Blaskovich dell’Institute of Molecular Bioscience’s Centre for Superbug Solutions dell’Università del Queensland.
La ricerca si è svolta in collaborazione con il Botanix Pharmaceuticals Ltd, una società che studia l’uso topico del cannabidiolo per disturbi della pelle.

In questo nuovo studio è stato utilizzato un farmaco contenente cannabidiolo, e l’aspetto particolarmente interessante emerso dalla sperimentazione è che il farmaco ha mantenuto la sua attività contro batteri altamente resistenti ad altri antibiotici di uso comune. Il cannabidiolo sarebbe infatti in grado di distruggere il biofilm prodotto dai batteri, che rende difficoltoso il trattamento delle infezioni.

Inoltre, il cannabidiolo non ha perso efficacia nell’uso prolungato, come invece avviene nel trattamento con altri antibiotici.

Il Dott. Blaskovich ha sottolineato che:

“Dati gli effetti antinfiammatori documentati dal cannabidiolo, i dati esistenti sulla sicurezza nell’uomo e il potenziale uso come antibiotico, questa molecola merita ulteriori indagini. La combinazione delle attività antimicrobica e infiammatoria nelle infezioni rendono il cannabidiolo particolarmente interessante.”

Il cannabidiolo (CBD) è un cannabinoide presente nella Cannabis sativa ed è uno dei principali composti non psicoattivi che si possono estrarre dalla pianta di canapa.

Attualmente la somministrazione di CBD è approvata dalla FDA per trattare alcune forme di epilessia.
L’uso di CBD è stato già studiato per diverse patologie e disturbi, tra cui l’ansia, il dolore e l’infiammazione e oggi sembra aver dimostrato anche un’azione antibiotica.

La nuova ricerca è stata presentata lo scorso 23 giugno all’ASM Microbe, la conferenza annuale dell’American Society for Microbiology.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook