©Ruben Pena Herraez /123rf

I cani possono rilevare il Covid-19 negli esseri umani meglio dei test rapidi. Lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I cani sarebbero più bravi a rilevare il Covid-19 nel sudore umano rispetto a molti test rapidi. Secondo uno studio francese, infatti, i nostri amici a quattro zampe sarebbero in grado di rilevare la presenza del virus con una precisione del 97%.

Ne avevamo già parlato l’anno scorso, nella primissima fase della pandemia, quando molti ricercatori inglesi iniziarono ad allenare i cani proprio a fornire diagnosi rapide e non invasive, esattamente come si fa con loro per alcuni tipi di tumori (i cani sono in grado di fiutarli con precisione del 97%) o per il Parkinson.

Leggi anche: Cani annusa Covid-19 in Germania, fiutano la malattia con una precisione dell’80%

Ora la conferma arriva da uno studio condotto a marzo e aprile dalla Scuola veterinaria nazionale di Alfort (ENVA) e dall’unità di ricerca clinica dell’Ospedale Necker-Cochin di Parigi, e che consentirebbero di accelerare lo screening di massa.

Lo studio ha anche dimostrato che i cani identificano correttamente nel 91% dei casi i campioni negativi, mentre una recente revisione di 64 studi aveva rilevato che i test rapidi (LFT) identificano correttamente in media il 72% delle persone infettate dal virus che presentano sintomi e il 58% che non ne hanno.

Lo studio

Dal 16 marzo 2021 al 9 aprile 2021, sono stati raccolti tramite impacchi campioni di sudore ascellare di 335 persone di età media di 35 anni (da 6 a 76), 295 (88%) avevano più di 18 anni e 170 (51%) erano donne.

I campioni sono stati poi chiusi in barattoli e annusati da almeno due cani diversi. Nello specifico, i barattoli contenenti gli impacchi sono stati inviati alla Scuola Veterinaria di Alfort e posti in “coni olfattivi” disposti in file in modo che ogni cane potesse eseguire un’analisi olfattiva. Una operazione che richiede una frazione di secondo per campione e quindi ha, oltre all’aspetto non invasivo dell’esame, il vantaggio di fornire un risultato immediato e un costo di implementazione molto contenuto. 

Ebbene, sulle 335 persone testate, 109 erano positive alla RT-PCR nasofaringea (test di riferimento). La sensibilità del test olfattivo canino è del 97% (intervallo di confidenza al 95%: 92-99) e la specificità è del 91% (IdC95%: 87-95).

Questi risultati confermano scientificamente la capacità dei cani di rilevare una firma olfattiva del Covid-19 e questo studio è il primo nel suo genere che potrebbe aprire la strada a un più ampio utilizzo del cane da rilevamento olfattivo nella lotta alla pandemia.

Lo studio dovrebbe essere a breve pubblicato in una revisione scientifica.

Fonte: ENVA

Leggi anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook