Non ci si ammala di cancro per sfortuna: le cause sono nell’ambiente. La nuova ricerca tutta italiana

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

No, di cancro non ci si ammala per caso, né per sfortuna. Le cause della malattia sono da ricercare nell’ambiente e nello stile di vita. Lo hanno definitivamente accertato, mettendo la parola fine a un dibattito scientifico annoso, gli autori di un rivoluzionario e recentissimo studio pubblicato su ‘Nature Genetics’.

A essere state indagate dal team tutto italiano, co-guidato da Piergiuseppe Pelicci, Direttore della Ricerca all’Istituto Europeo di Oncologia e Professore di Patologia Generale al”Università di Milano, sono le ‘traslocazioni cromosomiche’, le alterazioni geniche fra le più frequenti e importanti per lo sviluppo dei tumori. Ed esse non avvengono affatto casualmente, come precedentemente sostenuto da 3 studi pubblicati sulla rivista Science e condotti da Bert Volgestein, dell’Università John Hopkins della Pennsylvania.

Le traslocazioni, invece, sono la conseguenza di un particolare tipo di danno a carico del Dna, ossia la rottura della doppia elica.

“Come per le mutazioni, pensavamo che questo tipo di danno avvenisse casualmente nel genoma, ad esempio durante la divisione cellulare come ipotizzato da Vogelstein. Al contrario, però, studiando le cellule normali e tumorali del seno, abbiamo scoperto che né il danno al Dna né le traslocazioni avvengono casualmente nel genoma. Il danno avviene all’interno di geni con particolari caratteristiche e in momenti precisi della loro attività. Si tratta di geni più lunghi della media e che, pur essendo spenti (non stanno cioè producendo le molecole che trasferiscono la loro informazione, l’Rna), sono perfettamente attrezzati per accendersi (hanno tutte le molecole necessarie ma sono in pausa)”, spiega Gaetano Ivan Dellino, ricercatore IEO e di Patologia Generale dell’Università di Milano

Altro che sfortuna, quindi. Tutto è da ricercare nell’ambiente in cui viviamo e i nostri comportamenti (dall’apporto di energia, al tipo di microbi con cui conviviamo, passando per le sostanze che ingeriamo o con cui siamo a contatto). Abbiamo quindi un motivo scientifico in più per migliorare il nostro stile di vita e preservare il Pianeta, rendendolo più sano.

Quindi, riepilogando: no a fumo, alcol, obesità, inattività fisica, eccessiva esposizione al sole, dieta ad alto contenuto in zuccheri, carni rosse o processate, basso contenuto di frutta, legumi e vegetali. Solo così si potrebbe prevenire ben il 40% dei tumori!

Leggi anche:

Questi scienziati dicono di avere la prima cura completa per il cancro

Il cancro diventerà una malattia ‘curabile’ nei prossimi dieci anni

 

 

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook