©AXL/Shutterstock

Cancro al seno: scoperta cura con meno effetti collaterali della chemio, lo studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuova speranza nella lotta al cancro al seno, che ogni anno uccide moltissime donne in tutto il mondo: una particolare proteina permetterebbe di limitare l’uso dei farmaci antitumorali e gli effetti collaterali della chemioterapia. 

Il cancro al seno è la più comune (e letale) forma di cancro nelle donne: ogni anno, a più di 600.000 donne nel mondo viene effettuata questa diagnosi. Certamente lo stile di vita, l’alimentazione e fattori ambientali contribuiscono allo sviluppo di questa malattia, ma ci sono anche fattori genetici alla base della diagnosi: per esempio, i geni BRCA1 e BRCA2 sono i principali responsabili dello sviluppo del cancro al seno.

In condizioni normali, la proteina prodotta da questi geni contribuisce a riparare i danni del DNA, riducendo le possibilità di una crescita ‘incontrollata’ delle cellule e il conseguente sviluppo del tumore. Qualsiasi mutazione o anomalie a livello cellulare che ostacola i geni BRCA, invece, predispone la donna allo sviluppo di cancro al seno. Per decenni i ricercatori hanno provato a comprendere il ruolo dei geni BRCA e le componenti cellulari associate alle proteine BRCA1 e BRCA2 per comprendere lo sviluppo e la progressione del cancro al seno, e per studiare cure appropriate per prevenire e trattare questa malattia.

Finora il principale tipo di trattamento prevedeva la somministrazione di farmaci antitumorali in alte dosi affinché le cellule non sviluppino resistenza ai cicli di chemioterapia, e questo ha effetti collaterali dolorosi per le pazienti. Studi recenti hanno invece individuato che ridurre i livelli di una proteina chiamata DSS1 può aumentare la risposta delle pazienti alla chemioterapia – diminuendo così sia le dosi di farmaci antitumorali che gli effetti collaterali connessi ad una cura tanto invasiva.

(Leggi anche: Tumore al seno: firmato il decreto che stanzia 20 milioni di euro per i test genomici gratuiti)

Un gruppo di ricercatori provenienti da Stati Uniti e Giappone ha iniziato a osservare da vicino un complesso proteinico chiamato TREX-2 (TRanscription–EXport-2), coinvolto nella trascrizione e dell’esportazione dell’RNA messaggero dal nucleo della cellula: questo complesso comprende diverse proteine, come GANP, PCID2 e DSS1; come già visto in studi precedenti, una forma anomala di queste proteine comporta danni al DNA che risultano poi nella formazione dei tumori.

cancro al seno effetti collaterali chemioterapia

Credits: Fujita Health University

I ricercatori hanno quindi condotto una serie di studi partendo dal controllo dei livelli delle diverse proteine nel complesso TREX-2 nei tessuti cancerosi, e hanno poi condotto esperimenti a livello cellulare. È emerso che la proteina DSS1 aveva livelli più alti nei tessuti del carcinoma al seno rispetto a quelli raggiunti in tessuti non malati. In contrasto, i livelli di PCID2 erano normali anche nei tessuti maligni. Inoltre, livelli bassi di DSS1 sono associati con un tempo di sopravvivenza più lungo nei pazienti.

I dolorosi effetti collaterali delle terapie antitumorali aggiungono ulteriore sofferenza alle pazienti già provate dalla malattia e complicano le modalità di trattamento – spiega il professor Kuwahara, fra gli autori dello studio. – La nostra ricerca suggerisce che abbassare i livelli di proteina DSS1 nelle cellule tumorali del seno rende tali cellule più sensibili al trattamento chemioterapico. Ciò significa che è possibile una riduzione degli effetti collaterali nelle pazienti dovute all’assunzione dei farmaci antitumorali.

I risultati promettenti raggiunti da questo studio generano speranza per un’era di chemioterapia più sicura e meno invasiva per le pazienti che soffrono di cancro al seno.

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: Fujita Health University

Ti consigliamo anche:

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook