Il cancro diventerà una malattia ‘curabile’ nei prossimi dieci anni grazie ai trattamenti ‘darwiniani’

sto alternativo cancro approccio evoluzionistico

Notizie incoraggianti sul fronte della lotta ai tumori arrivano da Londra e in particolare dagli scienziati dell’ICR (l’Istituto per la ricerca sul cancro inglese) che credono seriamente che il cancro possa essere reso “gestibile” e “più curabile” entro il prossimo decennio grazie a dei farmaci in grado di fermare le cellule tumorali dall’essere resisteni alle cure.

Si tratta di medicinali “darwiniani” che sarebbero capaci di impedire alla malattia di adattarsi e di evolversi, migliorando in tal modo l’aspettativa e la qualità della vita dei pazienti oncologici. Questo perché, al momento, la sfida più dura che si trovano ad affrontare coloro che lavorano per sconfiggere i tumori, è rappresentata proprio dalla resistenza ai trattamenti. La stessa chemioterapia molto spesso fallisce proprio perché le cellule cancerose mortali riuscirebbero ad adattarsi e a mutare.

Da qui il nuovo approccio “evolutivo” dell’ICR che ha lanciato il primo programma al mondo per la scoperta di farmaci darwiniani progettato appositamente per affrontare la letale capacità dei tumori di sviluppare resistenza e finalizzato alla “comprensione, l’anticipazione e il superamento  dell’evoluzione del cancro” attraverso l’investimento di 75 milioni di sterline in un nuovo Centro a Londra  che ospiterà oltre 300 scienziati provenienti da tutto il mondo e da una varietà di campi al fine di lavorare insieme e unire le sinergie per sviluppare queste nuove terapie anti-evoluzione del cancro.

Gli scienziati sono convinti che questo nuovo approccio possa fornire un controllo a lungo termine e cure efficaci con un cambio di paradigma e combinazioni multi-farmaco usate con successo anche con malattie come l’Hiv e la tubercolosi . E che entro 10 anni renderà il cancro una malattia gestibile e più curabile:

Creeremo nuovi modi avvincenti per affrontare la sfida dell’evoluzione del cancro, bloccando l’intero processo della diversità evolutiva, utilizzando l’intelligenza artificiale e la matematica per trasformare il tumore in forme più curabili e affrontando il cancro con combinazioni multi-farmaco come quelle usate con successo contro l’HIV e tubercolosi. –  ha dichiarato Paul Workman, amministratore delegato dell’ICR –  Siamo fermamente convinti che, con ulteriori ricerche, possiamo trovare modi per rendere il cancro una malattia gestibile a lungo termine e maggiormente curabile, in modo che i pazienti possano vivere più a lungo e con una migliore qualità della vita. Ma quella ricerca avrà bisogno di supporto e il nostro nuovo Centro accelererà drasticamente i progressi che stiamo già facendo.

Per completare il centro e lanciare il nuovo edificio però urgono ulteriori 15 milioni di sterline e per questo è iniziata anche una raccolta fondi e una campagna di crowdfunding a sostegno.

Un grande passo avanti alla lotta al male più diffuso del secolo.

Ti potrebbe interessare anche:

Simona Falasca

Hello Fish!

Pesce, ne consumiamo troppo e male. Ecco come fare scelte responsabili

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

corsi pagamento

seguici su facebook