Cancro: diagnosticarlo potrebbe diventare più semplice grazie a un test delle urine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La diagnosi precoce in caso di cancro, come di altre patologie, è particolarmente importante per avere la possibilità di intervenire subito ed arrestare la malattia. I costi degli attuali screening per individuare il cancro sono molto alti, in particolare per i paesi in via di sviluppo dove tra l’altro ci sono poche strutture mediche attrezzate. È per questo che gli ingegneri del MIT (Massachusetts Institute of Technology) hanno deciso di dedicarsi alla realizzazione di un test delle urine di carta, in grado di effettuare una diagnosi in pochi minuti e a basso costo.

Il test, sviluppato dal professor Sangeeta Bhatia, funziona in modo molto simile ai più noti e utilizzati test di gravidanza, e si serve di una tecnologia sintetica di biomarcatore eliminando così la necessità di servirsi di costose attrezzature specializzate nella diagnosi di cancro.

L’utilizzo sarà molto semplice ovvero per prima cosa si dovrà iniettare una soluzione di nanoparticelle nel paziente che poco dopo dovrà urinare sulla striscia di carta. Il meccanismo è il seguente: le nanoparticelle si legano insieme alle proteine tumorali per produrre biomarcatori, sostanze facilmente rilevabili nelle urine che indicheranno la presenza del cancro facendo cambiare colore alla striscia.

urine-based-paper-test-537x430

Nell’esperimento effettuato su topi effettivamente i ricercatori sono riusciti non solo ad individuare la presenza del tumore ma anche quella di coaguli di sangue. Sono comunque necessari nuovi test sull’uomo prima di cantare vittoria, come ha dichiarato Bhatia: questo è solo il primo passo verso lo sviluppo di un dispositivo diagnostico che potrebbe rivelarsi molto utile nelle diagnosi di cancro.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Cani “annusa-tumori” per diagnosticare il cancro alla prostata dalle urine
– Il reggiseno che diagnostica i tumori al seno

L'articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo
Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook